Incidente a Milano: “La madre del ragazzo è corsa in strada e ha provato a rianimarlo lei stessa”

0
239
Fonti ed evidenze: Giorno, MilanoToday

Un testimone racconta il dolore straziante della madre di Idris El Sawah quando ha appreso dell’incidente del figlio. La donna è corsa in strada e ha addirittura cercato di rianimarlo lei stessa.

incidente milano idris

 

Idris non c’è più. La strada si è portata via un’altra giovane vita. Il ragazzo è deceduto a 19 anni dopo un incidente in Viale Fulvio Testi, a Milano. Domenica alle 22.30 ha perso il controllo della Bmx X5 che stava guidando, con accanto un amico di 23 anni che è poi stato soccorso in codice giallo al Policlinico. Un testimone presente sul luogo della tragedia è rimasto colpito dalla madre della vittima e ha raccontato: “È stato terribile. Quando la mamma di quel ragazzo ha capito che dentro la macchina ribaltata c’era suo figlio, praticamente sotto casa, è scesa e ha cercato di rianimarlo insieme ai soccorritori” .
La dinamica dell’incidente mortale è ancora in fase di accertamento ma – secondo quanto ricostruito finora dalla Polizia locale – il Suv percorreva in direzione periferia la corsia centrale del vialone quando con le due ruote sinistre avrebbe urtato lo spartitraffico centrale, ribaltandosi più volte e schizzando poi in avanti lungo l’asfalto per quasi 100 metri fino a fermarsi sul fianco sinistro. Immediato l’arrivo dei soccorritori del 118 ma il ragazzo era già in arresto cardiaco.

I sanitari hanno provato a rianimarlo sul posto, “con accanto la mamma che ha sperato fino all’ultimo nel miracolo“, dice il testimone, e poi ancora durante la corsa disperata verso l’ospedale Niguarda. Ma il cuore del diciannovenne non ha retto. Gli agenti cercheranno di far luce sull’episodio anche grazie all’aiuto delle telecamere della zona; da accertare anche la velocità dell’auto. Di sicuro la carreggiata bagnata dopo il temporale di domenica sera non ha favorito l’aderenza delle ruote all’asfalto.
Intanto amici e cittadini del quartiere Bignami – Bicocca non si capacitano: “Una morte assurda, siamo increduli” – ha commentato il consigliere del Municipio 9 Andrea Pellegrini, il cui figlio frequentava la stessa classe di Idris alle elementari. Idris viveva nelle case popolari tra viale Sarca e viale Testi. Figlio di immigrati, mamma romena e papà egiziano, chi lo conosceva lo ricorda come un ragazzo buono, intelligente e molto sensibile. Era cresciuto con la mamma – una volontaria della Croce Rossa –  e con la nonna poiché il papà si era allontanato dalla famiglia ed era il fratello di mezzo tra il primogenito di qualche anno più grande e una sorella adolescente. Il sogno di Idris sarebbe stato quello d’iscriversi all’Università e studiare per diventare un odontoiatra. Sogno che, come molto altri, se ne è andato via con il ragazzo. Gli amici e i conoscenti della famiglia, oltre ai mazzi di fiori e ai messaggi di affetto, hanno anche attivato una raccolta fondi per supportare, anche economicamente, la mamma e la nonna rimaste sole.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui