Fedez, fine del dialogo con Don Alberto, il diverbio con il prete ‘censurato’ divide il pubblico

0
120

Don Alberto sui social accusa Fedez di “censura” ma il rapper non ci sta e spiega perché su Instagram ha voluto interrompere i rapporti con il prete. Nonostante le successive scuse di Don Alberto, ormai il dialogo tra i due è terminato. Ecco che cosa è successo.

Fedez Don Alberto

 

Tra Fedez e Don Alberto è finita. Iniziato qualche tempo fa sul canale Twitch di Fedez e poi nel suo poadcast “Muschio Selvaggio”, quel bizzarro dialogo tra il rapper ed il prete che definisce gli omosessuali “contro natura” è arrivato al punto di rottura. Il confronto tra i due, seppur sostenendo posizioni diametralmente opposte su molti argomenti, era un tentativo di Fedez di dar voce anche a chi la pensa in modo diverso da lui, offrendo al pubblico due diversi punti di vista. Ma nelle ultime ore, proprio Don Alberto ha accusato il marito di Chiara Ferragni di “censura”.

Lui è Don Alberto Ravagnani, 26 anni, “prete Youtuber” di Busto Arsizio. Negli scorsi mesi il 26enne è riuscito ad ottenere grande seguito sui suoi canali social anche grazie alle ospitate nel canale Twitch e nel podcast “Muschio Selvaggio” del rapper Fedez. Per che motivo è stato invitato? L’intento era scambiarsi opinioni su argomenti delicati, come l’aborto, l’uso del preservativo, gli omosessuali o il sesso prematrimoniale, anche se su questi temi il Don la pensa in modo diametralmente opposto a Fedez che ha ribadito di avergli offerto tutti gli spazi possibili anche per esprimere  le sue idee “aberranti”.

Nonostante i punti di vista diversi, tra i due si è instaurato un dialogo che è andato oltre alle registrazioni ed è continuato per molto tempo anche sui social e su WhatsApp. Ma qualcosa nelle ultime ore è cambiato.

Don Alberto Fedez
Don Alberto, 26 anni, di Busto Arsizio

L’attacco di Don Alberto a Fedez

Fedez mi ha bloccato su Instagram. Che per le dinamiche dei social significa ‘fatto fuori’ o ‘censurato’. Peccato, io non ce l’avevo assolutamente con lui“, ha denunciato in un post su Instagram il Don di Busto Arsizio. “Per dialogare bisogna essere in due: evidentemente non vuole farlo. Io però rimango amichevole e disponibile“, ha concluso. Sui social però il prete è seguito da quasi 150 mila persone, che dopo le sue parole si sono scagliate contro il rapper milanese.

La risposta di Fedez

Il marito di Chiara Ferragni si è così trovato di colpo sommerso dalle critiche e ha voluto spiegare con alcune Instagram Stories la propria posizione sulla vicenda. “Sto ricevendo un sacco di insulti brutti, mi fa ridere perché derivano da un post fatto da un prete“, esordisce.
Don Alberto: ti spiego le motivazioni per cui ti ho bloccato. Se ti interessava così tanto avevi il mio numero di telefono al quale ti ho sempre risposto ma evidentemente fare un post su Instagram che scatena tanto perdono cristiano e cavalcare l’onda era sicuramente la soluzione più giusta“, continua Fedez nel suo discorso.
Il motivo dietro al blocco su Instagram di Don Alberto – che il rapper specifica essere ben diverso rispetto ad una censura – sono i molti messaggi da lui ricevuti ultimamente, “alcuni dei quali ho ritenuto un po’ offensivi“. Messaggi talmente forti da provocare le scuse dei collaboratori del prete, che hanno preso le distanze da ciò che è stato detto nei messaggi su Instagram scrivendo direttamente su WhatsApp al rapper.

Fedez poi continua nelle Stories: “Trovo fantasticamente esilarante essere accusato di censura da una persona a cui ho dato a disposizione tutti gli spazi che avevo per esporre le sue idee in maniera libera e farla conoscere a più persone possibili. L’altra cosa, che trovo divertentissima, è essere accusato di censura da un uomo che rappresenta la massima istituzione, la più grande macchina di censura che ci sia mai stata nella storia dell’umanità, cioè la Chiesa. Ti ho bloccato perché mi asciugavi un pochino. Polemica finita“.

Don Alberto controbatte

Puntuale è arrivata la risposta di Don Alberto. “È liberissimo di bloccarmi, ma segnalo una certa incoerenza. Io sono aperto e disponibile al dialogo sempre, non a periodi alterni. E il dialogo si fa sempre in due. Se io non posso parlare, non c’è dialogo“, ha affermato sempre tramite Instagram Stories il giovane prete di Busto Arsizio.
Di seguito poi il Don è tornato sull’argomento, raccontando di aver ricevuto insulti molto pesanti da parte dei followers di Fedez. “Un influencer critica una persona e quella viene attaccata in massa da tutto il suo seguito. Credo che se lui avesse usato toni diversi, rispondendo solo sull’argomento sollevato da me, non avrei ricevuto questi attacchi“, ha dichiarato e si è poi scusato per l’uso improprio del termine ‘censura’. “Mi scuso e mi rimangio quella parola perché in effetti la censura è ben altro, ma il senso rimane. Mi sono sentito ‘censurato’, tra mille virgolette, perché mi ha tolto la possibilità di avere un dialogo con lui e questo mi è dispiaciuto“, ha concluso.

La vicenda ha diviso il web in due, tra chi dà ragione al Don ‘ingiustamente censurato’ e chi invece sostiene il rapper, tacciato ingiustamente di censura quando invece è stato proprio lui il primo a dare visibilità al prete per poter esprimere la propria opinione.

Leggi anche -> Chiara Ferragni e Fedez traslocano, nuova casa milionaria in arrivo

Leggi anche -> Fedez, Sabrina Guzzanti conferma le pressioni Rai: “Tutti le subiscono, nessuno ne parla”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui