Pio e Amedeo: “Siamo alla Follia. Qualcuno forse si aspetta delle scuse, rimarrà deluso”

0
426

Dopo giorni dalla messa in onda della puntata, finalmente Pio e Amedeo rompono il silenzio e parlano del monologo che hanno messo in scesa su Canale 5 nel loro show.

pio e amedeo no scuse

Dopo giorni dalla messa in onda della puntata, finalmente Pio e Amedeo rompono il silenzio dopo il loro show su  Canale 5. A quattro giorni dall’ultima puntata di Felicissima Sera, continuano le polemiche per il monologo di Pio e Amedeo contro il politically correct televisivo e sociale. Per molti questo discorso ha avuto un effetto boomerang, diverso da quello atteso dai comici. Infatti i due si sono trovati ad affrontare l‘ondata di commenti sui social e non solo di tutti coloro che li hanno attaccati definendoli omofobi e razzisti. Molti anche gli artisti che hanno preso le distanze da quelle parole, come Michele Bravi durante il suo intervento al concerto del Primo Maggio in pazza a Roma.

Leggi anche–> Davide Astori, qualcuno paga per la sua morte: il risarcimento è un milione di euro

Così, dopo giorni di silenzio, finalmente i due comici hanno deciso di dire la loro a riguardo. Pio e Amedeo infatti hanno scelto di usare il mezzo dei social, scrivendo un post sul loro profilo ufficiale, che ha spiazzato tutti. I due comici pugliesi hanno deciso di non fare marcia indietro ma anzi. Nel post su Instagram, hanno spiegato la loro posizione, specificando fin da subito di non voler chiedere scusa.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Pio e Amedeo (@pioeamedeo83)

I comici hanno rivendicato il loro diritto alla satira, prendendo le distanze da ogni tentativo di leggere diversamente la loro esibizione, scrivendo: “La politica non ci appartiene. La politica ci omaggia di spunti e personaggi senza distinzioni di partiti per fare quello che vogliamo fare: satira, come abbiamo sempre fatto“. Quindi, continuando: “Non fermiamoci alla grammatica delle parole, oggi purtroppo non basta… educhiamo la testa e non solo il linguaggio! Quando diciamo “voi” ci rivolgiamo a quelli che non hanno capito il nostro messaggio. Perché fortunatamente, di gay, neri ed ebrei che hanno capito il senso di quello che abbiamo detto ce ne sono tanti, tantissimi, e sono quelli, come noi, a cui basterebbe raggiungere la vera uguaglianza“.

Per chiudere – scrivono – sappiate che noi abbiamo appena cominciato la nostra battaglia ai luoghi comuni e all’ipocrisia. Il nostro obiettivo è sempre e sempre sarà quello di scardinare questa OPINIONE UNICA che vogliono imporci! Stay Tuned“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui