AstraZeneca, muore un’infermiera “Reazione allergica al vaccino, un caso rarissimo”

0
299
Fonti ed evidenze: Messaggero, Mattino

Una rara reazione allergica al farmaco AstraZeneca. Così si spiegherebbe la morte di una giovane infermiera che si era appena inoculata la prima dose del vaccino.

AstraZeneca infermiera 24 marzo 2021 leggilo.org
Getty Images/Hugh Hastings

Un malore improvviso, tanto è bastato perchè Megi Bakradze, un’infermiera di 27 anni che aveva appena ricevuto il vaccino AstraZeneca, perdesse la vita in poche ore. La ragazza era impiegata presso uno dei tanti ospedali che hanno iniziato la campagna di vaccinazione in Georgia, paese dell’ex Unione Sovietica che ha ricevuto le prime fiale solo il 15 marzo per poi cominciare a vaccinare gli abitanti. La giovane – riferiscono i parenti – non aveva patologie pregresse: dopo la prima iniezione ha iniziato a sentirsi male al punto che da Akhaltsikhe è stata spostata il 18 marzo nell’ospedale First University Hospital della capitale Tibilisi. E’ stato tutto inutile: il violento shock anafilattico non ha lasciato scampo a Megi.

Il decesso dell’infermiera è in questo caso direttamente collegabile al farmaco AstraZeneca ma quanto è occorso non rettifica il verdetto dell’Ema che ha definito sicuro il vaccino: “La morte di Megi Bakradze è stata molto probabilmente il risultato di una grave reazione allergica al vaccino, ma questo è un effetto collaterale molto raro“, racconta il direttore dell’ospedale Levan Raitani che ha seguito personalmente il caso. La ragazza dunque, pur non avendo patologie pregresse, sarebbe stata vittima di una violenta reazione allergica non dissimile da quella che può avere una persona allergica alla puntura di un’ape: un caso rarissimo. Il Governo georgiano ha comunque sospeso in via precauzionale le operazioni di vaccinazione dopo l’evento che pure sono già partite in ritardo rispetto ad altri paesi dell’area euro-asiatica: il 41% delle persone intervistate in proposito alla morte di Megi hanno comunque dichiarato di essere spaventate e pronte a disdire la prenotazione per una delle oltre 43.000 dosi di vaccino AstraZeneca arrivate nel paese. Le ultime notizie fanno sapere che il Governo di Tibilisi ha infine deciso di procedere con la campagna di vaccinazione ma solo nelle strutture che dispongono di reparti di terapia intensiva: in questo modo, se qualcuno dovesse avere una reazione allergica, sarebbe possibile curarlo tempestivamente.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui