L’ex portavoce di Palazzo Chigi Rocco Casalino non sembra troppo preoccupato dal suo addio al ruolo che ha rivestito con il premier Conte. Ecco cosa ha detto.

Rocco Casalino 13 febbraio 2021 Leggilo.org
Getty Images/Alberto Pizzoli

Un addio a Palazzo Chigi meno tormentato di quanto ci si aspettava quello di Rocco Casalino, l’uomo che tra mille polemiche è stato la voce di Giuseppe Conte durante il suo secondo mandato. Spesso al centro di controversie e critiche da parte dei suoi denigratori, Casalino è stato intercettato al centro di Roma da un cronista di La7 – Diego Bianchi – che gli ha posto alcune domande sull’addio a Palazzo Chigi. Quando il giornalista gli chiede scherzosamente se intende rinnovare il sodalizio con Conte, magari per fargli da portavoce nel caso accetti di diventare ministro del Governo Draghi – un’eventualità poi smentita dalla lista presentata dal premier neo incaricato – Casalino sembra contrariato: “No, no, ora sono disoccupato”replica il portavoce respingendo anche l’ipotesi – sempre ironica – di impegnarsi in politica.

Tra i piani a breve termine di Rocco Casalino c’è la pubblicazione di un’autobiografia di 250 pagine e il godersi la libertà da un incarico che – pur pagato profumatamente – il portavoce di Conte riteneva troppo oneroso: “Sto meglio, ora passeggio. Ho un ritmo più tranquillo perchè prima i ritmi erano folli. Non hai idea stare dietro a Conte…”, racconta la sua esperienza l’ex Grande Fratello. E proprio in merito alla sua esperienza televisiva, Casalino rimprovera i suoi denigratori, affermando di aver fatto: “Mille cose in questi vent’anni”, e non solo una comparsa nel reality show. A quanto pare, stando alle parole di Rocco Casalino, le dichiarazioni di Conte in merito al non dormire nemmeno per far arrivare a Roma i soldi del Recovery fund erano più di un’iperbole: Dovevo seguire Conte che lavorava 23 ore al giorno, non mi reggevo in piedi. L’ultima volta a Bruxelles ha saltato totalmente una notte. Noi potevamo dormire qualche ora, lui no perchè era al Consiglio Europeo”, ricorda l’ex portavoce.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui