Covid, 299 morti in 24 ore. Torna salire il numero delle persone in terapia intensiva

0
147

Nuovo bollettino Covid dal Ministero della Salute: calano i decessi, sale il tasso di positività e di ricoverati in terapia intensiva.

 

Getty Images/Marco Di Lauro

Nelle ultime 24 ore in Italia si sono registrati 11.629 nuovi casi di Covid-19 su 216.211 tamponi (molecolari e antigenici): il tasso di positività risale dal 4,6% al 5,3%. Nella giornata il virus ha provocato altre 299 vittime. Ieri i nuovi casi erano stati 13.331 su 286.331 tamponi e 488 i morti.

Torna ad aumentare il numero dei posti occupati in terapia intensiva: 2.400 i pazienti ricoverati in rianimazione, 14 in più nel saldo tra entrate e uscite rispetto a ieri. Gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono 120. Nei reparti ordinari sono invece ricoverati 21.309 pazienti, in calo di 94 unità rispetto a sabato. E risale anche il numero degli attualmente positivi: sono 499.278, con un +444 rispetto a ieri.

In totale dall’inizio dell’emergenza sono state contagiate 2.466.813 persone e ne sono morte 85.461. Da ieri sono 10.885 i dimessi e i guariti (1.882.074 da inizio emergenza).

Sulle paure relative al diffondersi del contagio in ambiente sanitario è emblematica una vicenda, non a lieto fine, avvenuta nel Regno Unito. Dove una giovane donna di 29 anni,  Alexandria Pierce-Baddeley preoccupata di contrarre il virus si è rifiutata di recarsi dal dentista per curare un ascesso. La donna, madre di una bambina di 9 anni ha finito per essere vittima di un’overdose di farmaci. I fatti si sono svolti a Winsford. La donna, riferisce il Sun è stata trovata nel letto della sua casa. La donna aveva sofferto in passato di bulimia ed era stata ricoverata in ospedale per epatite, sepsi e polmonite: per questo era terrorizzata dall’idea di poter contrarre il coronavirus. Si stava curando a casa con antidolorifici e applicando una pasta di curcuma fatta in casa  – ha raccontato la madre -. Diceva che aveva molto dolore e così ne ha presi sempre di più. Prima di morire avrebbe inviato un messaggio dicendo al padre della figlia, da cui si era separata, di non essere sicura di poter andare avanti: “Tra 20 minuti non sarò in grado di muovermi”. L’ex non aveva mai lanciato alcun allarme perché altre volte aveva ricevuto messaggi simili a quello che gli aveva inviato poco prima. Inutili tutti i tentativi di soccorso

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui