Una cinquantanovenne modenese, Claudia Lepore, è stata uccisa a Santo Domingo, dove abitava da un decennio, per ragioni che rimangono ancora misteriose. 

Claudia Lepore, cinquantanovenne originaria di Carpi – in provincia di Modena – viveva a Santo Domingo ormai da una decina di anni. E nel Paese caraibico la donna ha trovato la morte: il suo corpo infatti è stato ritrovato, privo di vita, un paio di giorni fa. Le cause della morte di Claudia non sono ancora state accertate, ma secondo le notizie che arrivano dall’isola la donna potrebbe essere rimasta vittima di un omicidio mosso da un movente di natura economica. Il suo corpo è stato ritrovato all’interno di un frigorifero, dove secondo gli inquirenti si trovava da almeno tre giorni.

Per l’omicidio di Claudia è stato arrestato un uomo, accusato di aver agito dietro il pagamento di 200 mila pesos. Il cadavere della donna è stato rinvenuto nella  sua abitazione, nel quartiere residenziale di Bavaro, non lontano dalle spiagge di Punta Cana, e la scomparsa della cinquantanovenne era stata denunciata, nei giorni scorsi, da un’amica della vittima – modenese a sua volta – con cui nel 2009 aveva avviato  un Bed&Breakfast per turisti chiamato “Villa Corazon“. Dopo qualche tempo, però, Claudia aveva lasciato la società con l’intenzione di avviare un’attività in proprio.

L’uomo fermato dalla polizia dominicana si chiama Antonio Lantigua – noto come El Chino – e ha 46 anni. Si tratterebbe soltanto dell’esecutore materiale del delitto, commissionato da un mandante che avrebbe corrisposto al sicario un premio di 200 mila pesos. Una cifra di poco inferiore a tremila euro. L’uomo sarebbe stato incastrato da una serie di compromettenti messaggi Whatsapp ritrovati sul suo smartphone e, durante l’interrogatorio della Polizia, avrebbe confessato il delitto.

Sul mandante, però, non risultano ancora essere state raccolte informazioni significative: gli inquirenti indagano in ogni direzione, senza escludere alcuna pista. Da quella passionale – con le ricerche che puntano a scoprire qualcosa nel campo delle relazioni sentimentali della vittima – a quella professionale: sarebbero infatti in corso anche accertamenti sulla ex socia di Claudia.

La vittima, che aveva gestito per anni il bar “Bel Ami” di Carpi, aveva poi deciso di cambiare completamente vita, trasferendosi a Santo Domingo ed aprendo lì l’attività ricettiva insieme all’amica modenese che ne ha denunciato la scomparsa. Secondo quanto ricostruito fino a questo momento, la cinquantanovenne aveva trascorso molto tempo a Carpi, negli ultimi anni – quasi tutto il 2019 – prima di tornare, più o meno un anno fa, sull’isola con lo scopo di sistemare alcuni affari prima di fare definitivamente rientro in Italia.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui