Venezia, i Vigili del Fuoco entrano nella casa dell’uomo scomparso: lo trovano morto in uno scenario assurdo

0
253
Fonti ed evidenze: Messaggero, Gazzettino

Gino Boscolo, un uomo di 75 anni ben noto nel paese di Sottomarina di Chioggia, è stato ritrovato morto in circostanze molto strane. Era sparito da lungo tempo.

Gino Boscolo 16_1_21 Leggilo.org-2
Fonte immagine: Vigili del Fuoco

E’ stato ritrovato in circostanze decisamente inusuali e drammatiche Gino Boscolo, un anziano scomparso dal paese di Sottomarina di Chioggia – in provincia di Venezia – di cui non si avevano notizie da lungo tempo. L’uomo di 75 anni conosciuto in paese come “Gina del Latte” per ragioni non note era scomparso da qualche giorno, stando al racconto dei suoi concittadini che si sono preoccupati ed hanno chiesto alle Forze dell’Ordine di iniziare le ricerche. Il 15 di gennaio, il ritrovamento: presso la residenza dello stesso Gino Boscolo, l’anziano è stato ritrovato morto ormai da giorni per cause da chiarire tramite l’autopsia, forse per un malore come è già successo in circostanze molto simili ad anziani di Roma al Prenestino. Nell’appartamento del 75enne, i Vigili del Fuoco che hanno sfondato la porta per entrare hanno scoperto qualcosa di assurdo.

La casa dell’uomo era letteralmente invasa da oggetti, accumulati per tutta la casa: principalmente abiti ma – stando agli investigatori – anche biciclette e rifiuti comuni, il tutto impilato nelle stanze dell’abitazione senza una logica. Per bonificare l’abitazione di tre piani è servito l’intervento delle unità cinofile che addirittura hanno rintracciato il corpo di Gino Boscolo nascosto da una pila di abiti alta alcuni metri. L’uomo con tutta probabilità era un accumulatore seriale, una caratteristica psicologica non comune e che è stata riscontrata anche in casi più macabri su individui fermati dalla Polizia. Gli investigatori pensano ad un malore o ad un incidente: gli stessi concittadini di Gino hanno spiegato che l’uomo – nonostante alcuni tentativi – rifiutava di lasciare il suo isolamento e si ostinava a vivere da anni nella casa ormai stipata di vestiti ed oggetti assortiti. Difficile credere che qualcuno abbia potuto assassinarlo dal momento che in paese era molto noto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui