Le polemiche per la frase che ieri Casalino avrebbe detto su Renzi – “In Senato lo asfaltiamo” – sono solo l’ultimo capitolo di una saga di contrasti ed ostilità tra Italia Viva ed il portavoce di Palazzo Chigi. 

Tra Renzi e Casalino è guerra aperta: inutili le smentite
Rocco Casalino/Facebook Rocco Casalino

Non solo la gestione dei fondi europei per il Recovery, non solo la tanto contestata delega ai servizi, non soltanto la discussione sulla necessità per l’Italia di attivare, o meno, il Mes sanitario. Nella guerra tra il leader di Italia Viva Matteo Renzi ed il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte compare anche una figura tanto vicina al Premier, quanto osteggiata dal gruppo dei renziani: quel Rocco Casalino che – da portavoce di Palazzo Chigi – è recentemente finito al centro di roventi polemiche.

Soltanto ieri una frase rubata dal quotidiano La Repubblica a Casalino ha mandato su tutte le furie Italia Viva: “Se andiamo in Senato lo asfaltiamo, come fatto con Matteo Salvini“, avrebbe detto il portavoce del Premier riferendosi a Matteo Renzi e scatenando la reazione di tutto il partito. “Fino a quando dovremo sopportare le intemperanze di Rocco Casalino?“, si chiedeva Ettore Rosato, evidenziando un malcontento decisamente precedente all’incidente di ieri. “Dalle minacce di epurazione nei ministeri, alle sue ferie saltate per il Ponte di Genova, fino alla geolocalizzazione del premier in territorio libico; non ne abbiamo già sopportate abbastanza? Quanto tempo dobbiamo attendere la smentita da parte del Presidente del Consiglio rispetto alle minacce del suo portavoce, riportate lunedì 11 gennaio su Repubblica?“, diceva ancora il Presidente di Italia Viva.

Insomma, la figura di Casalino non piace a molti in Maggioranza e Italia Viva ha appuntato il suo nome nella lista di cose che dovranno cambiare, qualora si voglia pensare ad un nuovo Governo. Poco conta che il diretto interessato, nella serata di ieri, sia intervenuto per smentire le frasi attribuitegli da La Repubblica: “Smentisco categoricamente i virgolettati e le ricostruzioni che mi vengono attribuiti in un articolo del quotidiano La Repubblica in riferimento all’evoluzione dell’attuale situazione politica“, ha affermato, sottolineando come nell’articolo non venga riportato alcun dettaglio capace di dare conferma o attendibilità alla frase. “Sarebbe bene invece che la giornalista specificasse quando e come avrei fatto tali affermazioni, in modo che io possa dimostrarne – anche mostrando se necessario la mia agenda con i miei appuntamenti o i miei tabulati telefonici la totale infondatezza“, ha affermato Casalino.

Una pezza arrivata in maniera tardiva e che non ha convinto Italia Viva. Ma c’è di più: la polemica di ieri, per i renziani, rappresenta soltanto l’ennesima dimostrazione di quello che, nel partito dell’ex sindaco di Firenze, danno per scontato ormai da tempo: la convivenza al Governo con Casalino è diventata impossibile.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui