Miriam, sveniva e i medici non capivano. Ora qualcuno ha rubato le bambole portate sulla sua tomba

0
2628
Fonti ed evidenze: Fanpage, TgCom24

A Crispano, in provincia di Napoli, sono state rubate le bamboline che i genitori di Miriam – morta lo scorso anno ad appena 5 anni – avevano depositato sulla lapide della figlia. Lo sgomento del padre Giovanni: “Non riesco a capire”. 

Miriam, rubate le bamboline sulla sua tomba
Miriam e Giovanni Laezza/Facebook Antonella Palladino

Sono state rubate le bambole che erano state messe sulla tomba di Miriam, morta tragicamente ad appena 5 anni. Stenta a crederci Giovanni Laezza, il papà della bambina, scosso dal dolore e incredulo di fronte ad una notizia che ha dell’incredibile: “Quando l’ho saputo non ci volevo credere: possibile che avessero davvero rubato le bamboline che lasciamo sulla tomba della nostra bambina?“, si chiede.

Siamo a Crispano, in provincia di Napoli e pochi giorni fa Antonella Palladino, la moglie di Giovanni, ha scoperto che qualcuno aveva deciso di sottrarre dalla tomba di Miriam i regali lasciati lì dai genitori, dai parenti e dagli amici.  Spariti nel nulla. Erano stati lasciati sulla lapide e ora, spiega Antonella, non ci sono più.

Un episodio purtroppo già avvenuto in passato, visto che altri piccoli oggetti, sempre di scarso valore economico – ma importantissimi dal punto di vista affettivo – erano stati sottratti dal luogo dove riposa Miriam. Un caso denunciato proprio dal papà della bimba, che intervistato da Fanpage ha spiegato che “si tratta di bamboline che non hanno nessun valore e questo rende ancora più brutto il gesto“. Non il furto di una lanterna, di un vaso, di un elemento decorativo che – se rivenduto – avrebbe almeno potuto portare qualche euro nelle tasche di chi lo avesse preso. “ugualmente sarebbe stato riprovevole“, dice Giovanni, “ma ci sarebbe stata una spiegazione, lo avrebbero fatto per guadagnarci“. Ma in un caso come questo, si domanda ancora il padre di Miriam, quale è il senso? “Sono giocattolini che costano un paio di euro, chi volete che li ricompri? senza contare che proprio non riesco a capire come possa mai venire in mente di rubare le bamboline di una bimba…“.

Miriam è morta il 17 ottobre 2019 durante una lezione di danza presso una scuola di Cardito, un paese confinante con Crispano. La bimba aveva improvvisamente perso i sensi e tutti i tentativi di rianimarla si erano purtroppo rivelati vani. I medici che hanno condotto l’autopsia sul corpicino hanno raggiunto la conclusione che a strappare Miriam all’affetto dei suoi cari sia stata una morte naturale, in particolare un infarto, ma i genitori non riescono a darsi pace e – come naturale – continuano a lottare. Il loro sospetto è che ad uccidere Miriam sia stata una malattia non diagnosticata, visto che la bimba già in precedenza era stata vittima di improvvisi svenimenti, liquidati però dai medici come manifestazioni di uno stato di stress derivante dalla “gelosia” nutrita dalla bimba “nei confronti del fratellino“.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui