La moglie di Stefano D’Orazio, Tiziana Giardoni, ritorna a parlare della morte del marito, confessando un dettaglio straziante sul funerale, non le hanno permesso di vedere il padre e il marito per l’ultima volta, entrambi morti per covid, ecco cosa ha detto

Tiziana Giardoni morte Stefano D'Orazio trattamento disumano

Tiziana Giardoni in meno di un mese ha perso il padre e il marito Stefano D’Orazio, i due uomini più importanti della sua vita, entrambi venuti a mancare per colpa del Covid, la donna non ha potuto vedere le salme dei due cari per potergli dare l’ultimo saluto, per questo motivo ha deciso di rompere il silenzio e confessare cosa è successo prima del funerali.

Stefano D’orazio, storico batterista dei Pooh, è venuto a mancare un mese fa, Tiziana nel giro di poco ha dovuto dire addio ai due uomini più importati della sua vita, il padre Mauro anche lui morto di Coronavirus, in questo momento è straziata dal dolore per la loro perdita ma anche per non essere riuscita a vederli per un ultima volta ha confessato “ai funerali bare sigillate, disumano!“.

Tiziana sembra non darsi pace dice “insieme a tanta disperazione c’è anche tanta rabbia” per la moglie di Stefano D’orazio non è accettabile non poter dire addio ai propri cari, reputa un comportamento del genere disumano e aggiunge “non mi hanno consentito di vedere mio marito ne mio padre, mia madre sta impazzendo è stata con lui 60 anni“.

La moglie dello storico cantante continua a sfogarsi spiegando che pur di vederli si sarebbe bardata come i medici e gli infermieri, avrebbe preso le giuste precauzioni per non incorrere nel percolo, ma avrebbe corso il rischio pure di vederli per un ultima volta, la donna voleva capire dalla loro espressione se avessero sofferto o no, questa cosa non le da pace e non riesce a perdonare chi non le ha permesso di vederli, sta vivendo un momento durissimo.

Leggi anche->Covid, il dramma di Valerio Scanu: “Mio padre è ricoverato, ma non ho sue notizie”

Tiziana sulla morte di Stefano D’Orazio “mi sono dovuta fidare che ci fosse lui nella bara”

Tiziana Giardoni morte Stefano D'Orazio trattamento disumano

Tiziana Giardoni commenta così il funerale del marito e del padre “è arrivata la bara sigillata, abbiamo dovuto fidarci che dentro ci fossero loro, ma se non ci fossero stati loro dentro la bara?, se avessero sbagliato persona?” la donna si fa queste domande sconvolgenti, pensando che possano aver sbagliato identità, addirittura dice che nemmeno l’agenzia funebre ha permesso di vederli e di vestirli.

Il padre di Tiziana è stato ricoverato in ospedale qualche giorni prima che suo marito morisse, è stato subito intubato perché non riusciva a respirare, per Tiziana è il periodo più brutto della sua vita, i parenti non hanno nemmeno potuto salutarli, la vedova confessa “la notte non dormo, quando vado a letto sono assillata dai pensieri, cerco di trovare una ragione per quello che è successo, ma senza riuscirci” aggiunge che questo maledetto virus le ha portato via i due suoi più grandi amori facendola cadere nel oscurità più totale, la donna per il momento non riesce ad andare avanti molto probabilmente ha bisogno di tempo per elaborare i lutti che l’hanno devastata.

Leggi anche->Miriam Leone, lo spacco che infiamma il web: “Sua maestà la bellezza” – FOTO

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui