Morte Maradona, calciatrice rifiuta minuto raccoglimento: “Stupratore e pedofilo”

0
303

Morte Maradona: una calciatrice, la 24enne Paula Dapena, ha compiuto il clamoroso gesto prima di una partita amichevole in Spagna

Morte Maradona

Nei giorni scorsi tante le manifestazioni di stima ed affetto nei confronti del campione argentino, che ha lasciato un grandissimo ricordo sia nella sua terra che nella città di Napoli. Nel capoluogo partenopeo il ‘Dio del calcio’ ha giocato per sette stagioni, conquistando trofei che nella storia il club partenopeo non è riuscito più a vincere. Minuti di raccoglimento, lutto al braccio, ma anche partite fermate al minuto 10′ per onorare al meglio il ricordo del più forte di tutti i tempi. In generale anche in gran parte del mondo è stato tributato la fama di Diego Armando, non solo in Argentina e nel nostro paese. Personaggi dello spettacolo e dello sport non hanno voluto far mancare, nemmeno dalle pagine Instagram, la loro stima per la scomparsa di un genio, che probabilmente non è stato un esempio nella sua vita privata. Ma certe parole sono sembrate davvero fuori luogo.

Morte Maradona: tutto il mondo ha pianto il campione argentino, ma dopo la sua scomparsa non sono mancate alcune polemiche o gesti che hanno fatto discutere. L’ultimo di questi è arrivato dalla Spagna. Per la precisione dalla città di La Coruña. Una calciatrice, Paula Dapena, si è rifiutata di partecipare al minuto di raccoglimento prima della partita amichevole tra il Deportivo Abanca e il Viajes Interrias FF. Il motivo? Per la calciatrice il Pibe de Oro non è stato un esempio nella sua vita fuori dal campo. Pur riconoscendo i suoi meriti sportivi, la Dapena ha dichiarato che “Mi sono rifiutata di mantenere quel minuto di silenzio per una persona che definisco stupratore, pedofilo e molestatore e ho deciso di sedermi sul campo voltando le spalle”. Ovviamente il suo gesto ha creato clamore in tutto il mondo, in quanto le sue parole sono sembrate oltremodo fuori luogo. Maradona nella sua vita non ha avuto un comportamento irreprensibile, e l’uso della droga è ormai risaputo. Ma mai si era sentito parlare di accuse di ‘stupro’ ‘pedofilia’ o ‘molestatore’. Parole pesanti che la Dapena si è assunta la responsabilità di pronunciare.

Morte Maradona

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui