Chiara Ferragni, nelle ultime ore, su Instagram ha fatto una richiesta bizzarra che non è passata inosservata. La moglie di Fedez infatti ha pubblicato una storia in cui menzionava la Ferrero, invitandoli a inserire il volto di suo figlio Leo sulla confezione delle barrette. Ecco i dettagli.

Leone foto Kinder

Chiara Ferragni e la richiesta alla Ferrero

Chiara Ferragni su Instagram ha fatto una richiesta bizzarra che non è passata inosservata. La moglie di Fedez infatti, ha pubblicato una storia in cui menzionava la Ferrero, azienda famosa per la sua cioccolata, invitandoli a inserire il volto di suo figlio Leo sulla confezione delle barrette Kinder. L’imprenditrice digitale, ha pubblicato un fotomontaggio in cui mostra il volto di Leone sulla celebre scatola di barrette. Ma non si è fermata qui, perché nelle sue storie, la Ferragni ha proprio chiesto alla Ferrero di realizzare questo suo sogno.

D’altronde Leo ha tutte le caratteristiche adatte per diventare il nuovo bimbo sponsor Ferrero: gli occhioni azzurri, i capelli biondi e un viso angelico ma molto simpatico. Così, la Ferragni ha usato il suo mezzo più potente per divulgare la sua idea: tramite la condivisione Instagram e il suo profilo social che conta quasi 22 milioni di followers. L’appello è stato chiaro: “Questo è il mio sogno. Possiamo farlo avverare?” (“This is my dream, @kinderitalia can we make it happen?”) taggando il profilo ufficiale dell’azienda. Per ora la Ferrero ancora non ha risposto, chissà magari presto i followers dei Ferragnez vedranno Leone sulla confezione delle barrette Kinder.

Leggi anche–> CHIARA FERRAGNI, IL MESSAGGIO SU INSTAGRAM CHE COMMUOVE I FAN

Anche se Chiara deve stare molto attenta alle richieste che fa, dato che proprio poco tempo fa è stata denunciata dal Codacons per pubblicità occulta. Nel dettaglio l’associazione avrebbe accusato sia la moglie di Fedez che Baby K, a causa del loro tormentone estivo “Non mi basta più“. Nel video e nel testo della canzone infatti, sarebbe fatta menzione di un brand commerciale. Per questo il Codacons ha deciso di fare un esposto all’Autorità per la concorrenza.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui