Alex Zanardi: le varie perizie non coincidono, “Qualcosa non torna”

0
4

Vediamo insieme di capire come mai le varie perizie effettuate, sembrano non coincidere e tutte le informazioni aggiornate.

Alex Zanardi: le varie perizie non coincidono, cosa sta succedendo
Alex Zanardi: le varie perizie non coincidono, cosa sta succedendo

Il campione super amato, Alex Zanardi, ha avuto un bruttino incidente sulla sua handbike, ma cerchiamo di capire meglio cosa sta succedendo con le varie perizie effettuate.

Tutte le ultime informazioni che ci sono.

Alex Zanardi: le varie perizie non coincidono, cosa sta succedendo

Come tutti purtroppo sappiano, il 19 giugno ha segnato in modo davvero importante la vita del campione Alex Zanardi, per il gravissimo incidente accaduto a Siena, dove ha perso il controllo della sua handbike.

Da quanto possiamo leggere anche dalle pagine di Adnkronos sembra proprio, che due perizie confermino la perdita di controllo da parte di Alex del suo mezzo.

LEGGI ANCHE —-> TOSCANI: “BENE L’ABROGAZIONE DEI DECRETI SICUREZZA. ORA LO LUS SOLI, VELOCEMENTE”

Per il momento, l’autista del mezzo, Marco Ciacci è indagato per lesioni colpose, anche la sua perizia coincide con quella depositata alla Procura.

Il suo mezzo era in movimento a circa 38 km/h mentre la handbike di Alex Zanardi viaggiava a circa 50 km/h, sotto al limite consentito per quella strada, e non sono stati trovati problemi meccanici.

Stando alla ricostruzione del professor Mattia Strangi, Zanardi quando vede il mezzo nella direzione opposta, cerca di svoltare a desta per cercare di allontanarsi ma la sua handbike potrebbe essere andata in sovrasterzo, ovvero una sorta di testa cosa, che ha causato il ribaltamento.

Zanardi, in questo momento cade e finisce sulla corsia opposta sbattendo la testa contro il cerchione anteriore sinistro del mezzo che sopraggiungeva.

Anche per l’incaricato della Procura, la ricostruzione effettuata dal professor Stangi è molto attendibile con quello che è accaduto il 19 giugno a Siena.

LEGGI ANCHE —-> IL MAESTRO SI TATUA ANCHE LE PUPILLE: “I BAMBINI DEVONO ANDARE OLTRE LE APPARENZE”

Ma c’è un’ulteriore perizia, quella della famiglia di Alex, che ha nominato l’ingegner Giorgio Cavallini di Padova.

Per lui c’è una ulteriore ipotesi, dove sembra esserci una sorta di invasione della corsia da parte dell’autista del mezzo articolato, cosa che non è emersa nelle due precedenti.

Al momento, deve decidere la Procura di Siena se chiedere nuove indagini, oppure avviare il procedimento, dove il pm potrebbe chiedere l’archiviazione per Ciacci oppure il rinvio per lesioni colpose gravissime.
Alex Zanardi: le varie perizie non coincidono, cosa sta succedendo
Per la perizia di parte c’è uno scenario che le altre due non ipotizzano
Per quanto riguarda le condizioni di salute di Alex Zanardi, l’ultimo bollettino pubblico del San Raffaele del 19 settembre, conferma che la situazione sta migliorando, dopo i vari interventi, ed inizia anche a reagire a stimoli visivi e sonori.

Come ultima informazione poi, in data 24 settembre, si comunicava un ulteriore percorso di chirurgia per la ricostruzione cranio facciale, con il Professor Pietro Mortini.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui