Un follia prima della morte di Willy, ora Marco Bianchi sarà processato per un altro pestaggio

0
8

Il più piccolo dei fratelli Bianchi – Marco – sarà processato a breve per il pestaggio di un ragazzo avvenuto prima dei fatti di Colleferro.

Ben due anni prima del pestaggio del 21enne Willy Monteiro Duarte – deceduto nella notte tra il 5 e il 6 settembre a Colleferro pare a causa dei calci e dei pugni che gli sono stati inflitti – Marco Bianchi, il più piccolo dei “gemelli di Artena” si era reso protagonista di un altro pestaggio. In quel caso – spiega Today – il mal capitato fu un uomo bengalese che, diversamente da Willy, è per fortuna sopravvissuto ai colpi ricevuti. Insieme a Marco Bianchi, in quella situazione, non vi erano né il fratello maggiore Gabriele né gli altri due amici indagati per l’omicidio di Willy: Mario Pincarelli e Francesco Belleggia. Il più giovane dei Bianchi era insieme ad altri due giovani. Il pestaggio, da quanto emerso, fu scatenato da futili motivi e costerà a Bianchi un processo che si terrà tra pochi giorni. L’accusa è di lesioni gravi. Pur non essendo stata sporta denuncia – forse per timore di ripercussioni – le Forze dell’Ordine hanno potuto procedere d’ufficio in quanto il bengalese aveva ricevuto una prognosi di 20 giorni dai medici. Probabilmente Marco Bianchi, trovandosi al momento nel carcere di Rebibbia insieme al fratello Gabriele e a mario Pincarelli, non potrà essere presente all’udienza.

Ma non è neanche l’unico caso di pestaggio in cui i Bianchi sono coinvolti prima della morte di Willy. Ben sette sono i fascicoli aperti in Procura che hanno come protagonisti Gabriele e Marco Bianchi.  Il 13 aprile 2019 – riferisce Il Messaggero – i due fratelli hanno riempito di botte un ragazzo indiano reo di aver detto loro “Ma siete pazzi” dopo che i due lo stavano investendo con l’automobile mentre attraversava la strada a Velletri. Anche in quel caso la prognosi fu superiore ai 20 giorni. Per un’altra accusa di lesioni volontarie i due Bianchi dovranno presentarsi in tribunale il 19 maggio 2021. Marco è stato già convocato per il 15 gennaio venturo per un altro caso di lesioni avvenuto a Velletri nel 2016 mentre Gabriele ha dovuto pagare una multa di 1000 euro per una denuncia per detenzione illegale di un’arma impropria.

Intanto, riguardo ai tragici fatti di Colleferro, emergono dettagli sempre più sconcertanti. L’amico che quella sera era con Willy, Emanuele Cenciarelli  ha raccontato agli inquirenti la dinamica dell’aggressione e si è soffermato sulla violenza inaudita messa in atto dalla banda contro il giovane Duarte: “Urlavo agli aggressori che io e Willy non c’entravamo niente ma senza che potessimo rendercene conto, venivamo aggrediti. Ricordo l’immagine di Willy steso a terra, circondato da quattro o cinque ragazzi che lo colpivano violentemente con calci e pugni. Non riesco a quantificare il tempo dell’aggressione ma posso solo dire che la violenza dei colpi subiti era inaudita”. Secondo quanto testimoniato dal ragazzo, oltre ai fratelli Bianchi, a Pincarelli e a Belleggia quella sera c’era anche un quinto che avrebbe aggredito Monteiro.

Samanta Airoldi

Fonte: Today, Il Messaggero

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui