Sesso nei pressi del cimitero, i Carabinieri cercano tracce biologiche nel suv dei fratelli Bianchi

0
12

Verrà analizzato il Suv dei fratelli Marco e Gabriele Bianchi per scoprire eventuali residui organici ed eventuali tracce del sangue di Willy Monteiro.

 

Non solo moto da diverse decine di migliaia di euro e vacanze in barca ma anche un lussuoso suv che non esitavano a sfoggiare durante le serate nei locali della Capitale. Questo lo stile di vita di  Marco e Gabriele Bianchi,al momento in carcere a Rebibbia, indagati per la morte del 21enne Willy Monteiro Duarte. Un suv che non sempre riuscivano a posteggiare con facilità e per questo – stando a quanto dichiarato dai gestori dei locali che i due frequentavano – spesso costringevano, con le buone o con le cattive, altri clienti a spostare le proprie automobili. E ora questo “gioiellino” – riferisce la Repubblica – verrà passato ai “raggi X” dai Carabinieri del Ris. L’attività istruttoria, disposta dai pm di Velletri, è volta a verificare la presenza all’interno dell’automobile di eventuali tracce ematiche riconducibili al giovane Willy Monteiro Duarte. Ma si cercano anche tracce di liquidi corporei che diano prova del rapporto sessuale consumato nei pressi del cimitero di Colleferro con tre ragazze. Tre perché, da quanto dichiarato dai fratelli Bianchi, insieme a loro quella sera c’era anche un loro amico, il 20enne Edoardo Tondinelli. I tre – da quanto sostenuto dai Bianchi – stavano facendo sesso con tre ragazze quando sono stati chiamati da un quarto amico, Michele Cerquozzi, che avrebbe chiesto loro di tornare nella zona della movida dove era scoppiata la rissa tra Francesco Belleggia e l’ex compagno di scuola di Willy, reo di aver fatto un commento di troppo su una ragazza. E infatti ora – riferisce Il Messaggero – anche Tondinelli e Cerquozzi e altri due amici dei fratelli Bianchi potrebbero finire nel registro degli indagati della Procura di Velletri per la morte di Willy a causa della loro condotta omissiva.

E mentre i Ris analizzano il Suv di Marco e Gabriele Bianchi, il professor Saverio Potenza continua a studiare le lesioni presenti sul corpo del giovane Monteiro per capire la dinamica dell’aggressione.

Samanta Airoldi

Fonte: Repubblica, Fanpage, Il Messaggero

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui