Fratelli Bianchi, bugie finite: l’autopsia rivela come è morto davvero Willy

0
2

L’autopsia effettuata sul corpo di Willy Monteiro Duarte ha rivelato le reali cause del decesso del 21enne.

Sulla base dei risultati emersi dall’autopsia sul corpo di Willy Monteiro Duarte, la Procura di Velletri ha deciso di cambiare il capo d’imputazione a carico dei quattro indagati. Marco e Gabriele Bianchi, Francesco Belleggia e Mario Pincarelli sono ora accusati di omicidio volontario, aggravato dai futili motivi. A riportarlo è Il Corriere della Sera, che conferma una decisione che era nell’aria già da un paio di giorni. Gli esami autoptici condotti da una equipe medico legale diretta dal professor Giovanni Arcudi hanno confermato che Willy è morto a causa di una serie di colpi sferrati con corpi contundenti. Non una semplice colluttazione, dunque. Ragione che ha convinto il pubblico ministero a modificare l’iniziale accusa di omicidio preterintenzionale a carico dei quattro ragazzi di Artena. “Il giovane è stato sottoposto ad una aggressione prolungata“, chiarisce il professor Arcudi. “Il corpo aveva numerose lesioni gravi che hanno provocato lo choc e poi l’arresto cardiaco“. Lesioni derivanti da traumi multipli e che riguardano il torace, il collo, l’addome. Tutti elementi che fanno prefigurare agli inquirenti “la volontà di uccidere” da parte degli indagati. Un quadro confermato anche dalle testimonianze fin qui raccolte, che raccontano di un’aggressione feroce, una violenza inaudita, della volontà di infierire su Willy anche quando questo era già a terra e incapace di qualsiasi reazione.

E così, conferma La Stampa, vengono confermate le misure cautelari disposte già nei giorni scorsi: i fratelli Bianchi rimangono in carcere insieme a Pincarelli, mentre per Belleggia – l’unico che si è discostato dalla versione dei fatti proposta dagli altri tre, che “minimizzavano il fatto assegnandolo alla responsabilità di terzi“, si legge nell’ordinanza del gip – sono confermati gli arresti domiciliari. I Carabinieri e la Asl, nel frattempo, hanno disposto la chiusura  della palestra dove si allenavano i fratelli Bianchi per cinque giorni , in conseguenza di “gravi violazioni amministrative” emerse in seguito ad un controllo.

Fonte: Corriere della Sera, La Stampa

Hanno paura del branco

Pubblicato da Leggilo.Org su Domenica 13 settembre 2020

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here