La mentalità fascista in Italia è alla base dell’omicidio di Willy, dice Dacia Maraini

0
2

Secondo la scrittrice Dacia Maraini la mentalità fascista, ancora presente nella nostra cultura, è alla base dell’omicidio di Willy Monteiro. 

 

Anche la scrittrice Dacia Maraini prende posizione sul brutale omicidio di Willy Monteiro Duarte, attraverso un articolo pubblicato sul quotidiano La Stampa. La poetessa intravede una chiara matrice politica all’origine  dell’azione violenta che ha portato alla morte del giovane e afferma che “il fascismo come fenomeno non c’è più ma la cultura fascista c’è ancora” e si basa “sul superomismo, cioè l’uomo superiore agli altri per la forza. Non per l’intelligenza, la cultura, la competenza. Ma per la forza, la forza bruta“. E anche se da sempre, prosegue, “c’è chi crede nella forza come unica ragione per superare, vincere, dominare gli altri“, queste persone si sentirebbero ora, a suo giudizio, maggiormente legittimate. Un approccio alla vita che ha caratteristiche primitive, e che ha tratti comuni con la mentalità degli animali, spiega ancora Maraini.

Eppure  la pretesa del genere umano è di essere superiore agli animali: “Diciamo che discendiamo da Dio, siamo fatti da una divinità, sacra. Ma dietro c’è sempre la cultura. Basata sull’idea che ci sono razze superiori. Andatevi a leggere la teoria della razza, quella fascista non nazista”, prosegue. “L’ho riletta di recente, è impressionante: le razze esistono, ci sono quelle superiori che hanno diritto di depredare quelle inferiori. Quando dico fascista non è una cosa vaga, è una mentalità, un modo di vedere il mondo. Questi ragazzi sono lì, perché ci sono ancora degli strascichi. Certo, c’è anche ignoranza e tanta confusione. Ma è una cultura che esiste ancora“.

E Maraini non  l’unica a pensare che la colpa di quanto accaduto sia da ricondurre alla cultura fascista che – a detta di alcuni –  ancora imperante in Italia. Anche l’influencer Chiara Ferragni si  recentemente espressa in tal senso, sostenuta, in questa sua tesi, anche dal segretario dei PD Nicola Zingaretti.

Fonte: La Stampa

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here