Pestaggio a morte di Willy Monteiro: chiude la palestra frequentata dai fratelli Bianchi

0
2

La Polizia amministrativa ha disposto la chiusura della Millenium Sporting Center di Lariano, la palestra frequentata da Marco e Gabriele Bianchi.

La Polizia amministrativa, congiuntamente al Commissariato di Velletri, ai Carabinieri del Nas e alla Asl Roma 6 hanno disposto la chiusura della Millenium Sporting Center di Lariano, la palestra frequentata dai fratelli Marco e Gabriele Bianchi, al momento in carcere per la morte del 21enne Willy Monteiro Duarte deceduto nella notte tra sabato e domenica scorsa. Il centro sportivo – riporta Adnkronos – resterà chiuso per cinque giorni a causa di irregolarità riscontrate durante i controlli. Nello specifico sono state rilevate violazioni in materia di sicurezza igienico – sanitaria e anche inerenti la sicurezza dei luoghi di lavoro. Ma non solo: sono emerse violazioni concernenti la normativa antincendio e inadeguatezze riguardo le vigenti misure cautelari anti Covid. A completare il tutto la presenza di due lavoratori in nero. Al momento sono in corso ulteriori verifiche per stabilire se gli altri 4 lavoratori presenti sono assunti con contratti regolari o se anch’essi sono in nero. Si attendono anche gli esiti sulla salubrità dell’acqua delle piscine presenti nel centro sportivo.

A quanto pare, insomma, la chiusura della palestra non avrebbe nulla a che vedere con il coinvolgimento dei fratelli Bianchi nella morte del giovane Willy Monteiro. Nei giorni scorsi, infatti, si era molto puntato il dito contro le arti marziali praticate dai due ragazzi che – secondo alcuni – avrebbero giocato un ruolo chiave nella capacità dei due di aggredire Willy. Ma lo sport nulla ha a che vedere con la tragedia avvenuta sabato notte. Marco e Gabriele Bianchi – riporta Fanpage – erano già noti alle Forze dell’Ordine. Già prima del pestaggio di Willy, infatti, i due erano finiti nell’occhio del mirino della Procura di Velletri per lesioni, spaccio di stupefacenti, rissa e porto di oggetti atti all’offesa. Nonostante il padre di Francesco Pincarelli – anche lui in carcere per la morte di Willy – li abbia definiti “due bravissimi ragazzi“,  il gip di Velletri ha riscontrato nei due la manifesta incapacità di resistere agli impulsi violenti e anche per questo ne ha confermato il fermo cautelare

Samanta Airoldi

Fonte: Adnkronos, Fanpage

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui