Inspiegabili le cause dell’incidente che ha ucciso Raffaella Franciullo

0
11

Niente da fare per Raffaella Franciullo, la donna di 45 anni rimasta uccisa in un incidente stradale avvenuto ieri mattina a Canzo, un piccolo comune della provincia di Como. La donna, che viveva ad Asso, faceva quel percorso ogni mattina per andare a lavorare. I vigili lavorano su due ipotesi.

 

Niente da fare per Raffaella Franciullo, la donna di 45 anni rimasta uccisa in un incidente stradale avvenuto ieri mattina a Canzo, un piccolo comune della provincia di Como. Stando a una prima ricostruzione,  Raffaela percorreva via Monte Barzaghino ma, quando era quasi all’altezza del civico 6, il suo veicolo è uscito di strada e si è schiantato contro un albero. Il lavoro dei soccorritori del 118 non ha potuto evitare la morte della donna. Quando sono giunti sul posto, per lei non c’era più nulla da fare. I vigili del fuoco hanno lavorato senza sosta per estrarre il suo corpo dalle lamiere della macchina che si era accartocciata contro l’albero. Non è ancora chiara la dinamica del terribile incidente, che ha sconvolto il piccolo paese comasco, riferisce Fanpage.

E per fare chiarezza su quanto successo, è stata già disposta l’autopsia. Raffaela, che era sposata e madre di una ragazza, abitava nel vicino comune di Asso, e ogni mattina prendeva la sua Fiat Panda azzurra, che guidava fino a Canzo per andare a lavorare. Lo schianto è avvenuto poco dopo le 9.30 di ieri mattina. Per il momento, sono al lavoro gli agenti della polizia locale di Canzo, che hanno svolto i rilievi subito dopo lo schianto. Ma non è ancora chiaro come la macchina di Raffaella – abituata com’era a guidarla tutti i giorni – sia potuta finire fuori strada. Fattore ancora più strano, si apprende, che non ci dovrebbero essere altre auto coinvolte nell’incidente. Per questa ragione, al momento si lavora su due ipotesi più plausibili. La prima è data dalle condizioni dell’asfalto, che forse era reso scivoloso dalla pioggia, il che può aver causato la perdita del controllo del mezzo. Ma non si esclude neanche un malore. Per far chiarezza quindi sulle cause del decesso, il magistrato di turno della procura di Como, Pasquale Addesso, ha già disposto l’autopsia sul cadavere della donna. Come si apprende dal suo profilo Facebook, la donna era una libera professionista, e aveva studiato a Milano.

Fonte: Fanpage, Facebook Raffaela Franciullo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui