Home Cronaca La neonata trovata morta a Salerno è stata gettata dalla finestra

La neonata trovata morta a Salerno è stata gettata dalla finestra

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:20
CONDIVIDI

La neonata trovata morta è stata probabilmente lanciata da una finestra al secondo piano dell’edificio dove era stata concepita. L’esame medico legale è previsto per le prossime ore. I genitori accusati di concorso in omicidio.

 

Tragedia a Roccapiemonte, nel salernitano, dove da una finestra al secondo piano di un edificio è stata lanciata, probabilmente poco dopo essere stata partorita, una neonata, trovata morta, nel Salernitano. Il fatto risale al tardo pomeriggio di ieri. La bimba – ritrovata con il cordone ombelicale ancora attaccato – è stata riscontrata subito dal medico legale con una ferita alla testa che le è stata con ogni probabilità fatale. Il corpo senza vita della neonata è stato ritrovato ieri, poco dopo le 19, vicino a una siepe che separa il palazzo da dei garage, da un anziano che poi ha chiamato i carabinieri. A riportarlo Fanpage.

La ricostruzione ipotizzata dagli inquirenti, riferisce il Messaggero, fa rabbrividire. La neonata sarebbe stata lanciata dal balcone al secondo piano dell’appartamento nel quale era venuta alla luce. Un “serio sospetto”, riferiscono le fonti investigative, confermato dagli elementi raccolti nelle ore successive al ritrovamento. Elementi che hanno portato all’esecuzione di un fermo d’indiziato di delitto nei confronti dei genitori ieri notte. Nelle prossime ore dovrà essere realizzata l’autopsia che potrebbe fornire elementi utili ai fini investigativi. L’esame sarà condotto dal medico legale Giuseppe Consalvo, e si spera che dia risposte più certe sulla dinamica della morte. Intanto il padre della bambina, di  47 anni, è stato arrestato e ora si trova in carcere a Salerno. La madre invece, una donna di 42 anni, è piantonata all’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore, dove è stata trasferita dopo il parto. Sono entrambi accusati di concorso in omicidio. Le indagini realizzate dai carabinieri della compagnia di Mercato San Severino, guidati dal maggiore Alessandro Cisternino e coordinate dal sostituto procuratore Roberto Lenza, hanno condotto alla coppia, che abita nel condominio sotto il quale è stato ritrovato il corpo della bambina. I militari hanno poi effettuato un’ispezione nell’appartamento della coppia, ritrovando gli elementi che hanno permesso di dichiarare con certezza che parto era avvenuto nel locale. Resta da capire ancora il movente, e cosa può essere successo dopo il parto. Gli inquirenti hanno anche cominciato a indagare il passato dei due genitori. Finora, è emerso che la donna aveva pregressi problemi di salute. La coppia ha anche un altro figlio, un ragazzo di 17 anni che però è in affidamento ad altri familiari.

Fonte: Fanpage, il Messaggero