Home Casi San Benedetto del Tronto, il cadavere di una ragazza trovato sulla spiaggia

San Benedetto del Tronto, il cadavere di una ragazza trovato sulla spiaggia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:55
CONDIVIDI

A San Benedetto del Tronto rinvenuto il cadavere di un’adolescente: aveva 17 anni ed era in vacanza con un uomo molto più grande di cui non si ha traccia.

 

Aveva appena 17 anni e si chiamava t la ragazza ritrovata morta in mare a San Benedetto del Tronto nel primo pomeriggio di domenica. L’identificazione della giovane – spiega la Repubblica – è ormai quasi certa anche se manca ancora la prova definitiva del Dna. Da quanto emerso si tratterebbe di un’adolescente della Repubblica Ceca in vacanza nella località balneare insieme ad un uomo di circa 40 anni identificato sotto il nome di Tomas Cerveny. Si è potuti giungere ad una prima identificazione del cadavere proprio grazie ad una denuncia arrivata dal Paese della ragazza. A denunciare è stata la madre, preoccupata perché la figlia da sabato non rispondeva più alle telefonate. Non si hanno tracce neppure dell’uomo che era con lei in vacanza. Nell’appartamento che i due avevano affittato non sono state trovate tracce di colluttazione il ché – per il momento – non farebbe pensare ad un omicidio. Anche se sul cadavere della giovane sono state trovate due ferite profonde ad una coscia. Gli inquirenti hanno lanciato un appello invitando chiunque abbia visto la coppia a farsi avanti anche per capire se l’uomo sia ancora vivo e possa fornire maggiori informazioni sulla morte della 17enne.

Il cadavere era stato rinvenuto in mare da alcuni bagnanti che avevano subito avvertito le autorità. La questura di Ascoli aveva immediatamente preso il controllo delle indagini, inviando un medico legale sul posto ed aprendo un fascicolo – riferisce Il Messaggero. Inizialmente sembrava che la vicenda dovesse rimanere avvolta nel mistero, come la scomparsa di Sabrina Beccalli che sta impegnando gli inquirenti e che forse ha raggiunto un punto di svolta. Infatti, in un primo momento, nella zona di San Benedetto non  erano state presentate denunce di persone scomparse utili per identificare il cadavere. In base alle prime ricostruzioni si suppone che la ragazza abbia avuto un malore mentre stava nuotando da sola. Il ché ne avrebbe provocato il successivo annegamento. Ma la scomparsa del 40enne che si trovava in ferie con lei, lascia aperte anche altre ipotesi

Fonte: Il Messaggero, Repubblica

La Repubblica, Il Messaggero