Home Cronaca Serata finisce in tragedia, si sporge dall’auto e sbatte la tempia contro...

Serata finisce in tragedia, si sporge dall’auto e sbatte la tempia contro un palo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:28
CONDIVIDI

In provincia di Verona un ragazzo è morto sul colpo mentre si trovava in auto con quattro amici. Il giovane ha sbattuto la testa contro un palo dopo essersi sporto dal finestrino.

 

Tragedia nel Veronese. Un ragazzo di Sant’Ambrogio di Valpolicella – riporta la Repubblica –  è morto sul colpo per essersi sporto dal finestrino dell’auto su cui viaggiava con quattro amici. Il giovane sopo essersi sporto ha sbattuto la testa contro  il palo della recinzione di un vigneto. L’impatto gli è stato fatale. Il tutto sotto gli occhi increduli degli altri quattro ragazzi. La tragedia è avvenuta lungo la strada che da Affi porta a Incaffi.  Sono accorsi gli operatori del 118  ma ormai non c’era più nulla da fare e hanno solo potuto constatare il decesso del ragazzo. Dai primi accertamenti dei Carabinieri sembra che il gruppo di giovani avesse trascorso la serata sul lago e stesse tornando verso un Bed&Breakfast della zona. Nelle ore seguenti alla tragedia, un gran numero di persone – riferisce il Corriere della Sera – ha iniziato a portare fiori presso quel palo che è costato la vita al giovane. Una morte davvero senza senso. Oltre alla famiglia anche numerosi amici si sono recati sul luogo, molti dei quali ferventi sostenitori della squadra calcistica Hellas Verona di cui anche il defunto era un super tifoso.

Il giovane va ad aggiungersi alla lista – troppo lunga – delle vittime della strada. Solo pochi giorni fa il signor Domenico Alfano e suo nipote Domenico junior sono morti per un incidente in moto. Stesso nome e stessa sorte per i due. Mentre poco prima di Ferragosto, a Castelmagno, cinque adolescenti hanno anch’essi perso la vita in un incidente stradale. i ragazzi erano andati a guardare le stelle nella notte di San lorenzo. ma dal quella gita non hanno più fatto ritorno alle loro famiglie.

 

Samanta Airoldi

Fonte: Repubblica, Corriere della Sera