Home Spettacolo Miriam Leone senza veli coperta solo da un accessorio: “più bollente che...

Miriam Leone senza veli coperta solo da un accessorio: “più bollente che mai”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:47
CONDIVIDI

Vediamo insieme la fotografia che ha pubblicato la bellissima Miriam Leone sul suo profilo social di Instagram che ha incantato tutti.

L’attrice siciliana Miriam Leone è davvero molto bella e molto amata dal pubblico, ed ogni fotografia viene particolarmente apprezzata.

Vediamo meglio insieme che cosa ha pubblicato nelle ore passate da poco.

Miriam Leone la fotografia incanta: “Superlativa” “Una dea Greca”

La bellissima e super seguita dal pubblico Miriam Leone, è abbastanza riservata per quanto riguarda la sua vita privata.

LEGGI ANCHE —-> MARA VENIER AL MARE IN COSTUME è UNA NONNA DA TOGLIERE IL FIATO-FOTO

Ma ogni tanto pubblica alcune sue immagini della sua vita quotidiana, che ovviamente i suoi numerosi ammiratori apprezzano con grande piacere.

Come sappiamo, doveva uscire il film Dibolik, dove Miriam interpretava la super sensuale e conturbante Eva Kant, motivo per il quale aveva anche cambiato il suo colore di capelli.

Ma, a causa dell’emergenza per il Coronavirus, è stato posticipato a nuova data da destinarsi, quindi speriamo di vederla a breve sul grande schermo.

LEGGI ANCHE —-> SABRINA SALERNO IL BIKINI è BOLLENTE: I FAN “L’AURICOLARE è DA INVIDIARE!”

Torniamo, però alla bellissima fotografia che ha pubblicato Miriam sul suo profilo Instagram dove si mostra un un delicato primo piano.

Possiamo infatti vederla e sembra che non indossi nulla nella parte superiore del corpo oltre, ed ha un fiore bianco che sporge dietro il suo orecchio.

Il suo sguardo è sempre molto dolce, ma allo stesso tempo sensuale, senza risultare mai troppo eccessivo o volgare.

L’immagine ha ricevuto un enorme successo di commenti anche di personaggi famosi come Laura Chiatti che le ha scritto “Sei superlativa”.

E voi cosa ne pensate di questa bellissima fotografia che sembra davvero emanare tutta l’energia dell’estate, come ha scritto nella didascalia Miriam Leone?