Adriano Celentano continua a dire la propria e ad essere seguito, nonostante, dopo lo spettacolo “Adrian”, abbia deciso di stare per un pò dietro le quinte. Da sempre appassionato di politica, il cantante ha recentemente inviato un messaggio al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Adriano Celentano e l’appello a Giuseppe Conte 

L’ex ragazzo della Via Gluck è intervenuto in una delle ultime puntate di Non è l’Arena in onda a giugno e proprio in questa occasione si è lasciato andare ad un accorato invito al Governo in merito alla vicenda delle armi in Egitto. L’artista ha infatti dichiarato senza troppi giri di parole: “La mafia non è solo quella che spara a tradimento. Se è vero che il dossier arrivato all’Italia dal Cairo sul caso Regeni è stato giudicato da Paolo Gentiloni carente ed incompleto tanto da richiamare le autorità egiziane, non si capisce perché a un paese così incompleto bisogna vendere 26 navi e armi che uccidono. Fermi la trattativa losca per la vendita di armi all’Egitto. Ma già immagino le motivazioni assurde di Confindustria e delle imprese italiane: ‘se non vendiamo queste armi dovremmo licenziare’. È proprio questo il nuovo inizio che l’Italia deve intraprendere. Meglio soffrire un po’ la fame, ma poter guardare in faccia le persone: noi italiani abbiamo questa forza”.

Il suo profilo Instagram 

Intanto l’ex attore ha anche aperto un profilo Instagram che, manco a dirlo, è seguitissimo. Dalla propria bacheca invia messaggi di sensibilizzazione, e i temi sono tra i più disparati. Ultimamente ha pubblicato un video che racconta della costruzione di arma da guerra in Italia, il filmato è accompagnato dalla seguente didascalia: “Certo, se la fabbrica chiude tanta gente perderà il posto ma è qui che si vede l’italiano. Ci uniremo in un sol corpo per sopperire agli stipendi di chi perderà il posto finchè il padrone non convertirà la sua fabbrica di morte in un bene per la vita. E io sono certo che gli italiani lo faranno. Non so perchè ma ne sono certo”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui