Home Politica “Mai più con i Benetton” ma il Ponte di Genova torna ad...

“Mai più con i Benetton” ma il Ponte di Genova torna ad essere gestito da Autostrade

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:49
CONDIVIDI

Nonostante le parole del Movimento Cinque Stelle, l’appalto del Ponte di Genova torna ai Benetton. Nessuno ha mai pagato per il crollo del 14 agosto 2018.

 

Il tira e molla tra il Governo  e la società Atlantia si è concluso con a vittoria di quest’ultima. Infatti la gestione del Ponte di Genova torna alla famiglia Benetton, la stessa che possedeva la quota di maggioranza sulla rete autostradale ligure il 14 agosto del 2018, quando 43 persone sono morte a causa del crollo del ponte.  La notizia – riferisce Il Giornale – è arrivata da poche ore, a rilasciare un comunicato è stato proprio il Ministro dei Trasporti, la Dem Paola De Micheli: “Dobbiamo uscire da questa impasse e ripristinare la rete stradale ligure, ho firmato io la lettera per il sindaco di Genova Marco Bucci”. Atlantia è di proprietà del gruppo Benetton che l’han spuntata aggiungendo sul tavolo delle trattative tre miliardi di euro da investire non solo sul nuovo ponte – che verrà presto inaugurato – ma su tutta la rete autostradale ligure.

Dunque i grillini sembrano essersi piegati alla volontà del Premier nonostante le dichiarazioni di appena un mese fa: “Non vedo un futuro in cui restituiamo ai Benetton la gestione del Ponte Morandi”. Queste erano state le  parole del Ministro degli Esteri Luigi Di Maio.  Dal canto suo, il leader pentastellato Vito Crimi aveva incalzato: “Non possiamo permettere che il Ponte Morandi torni ai Benetton” – le sue parole riportate da Il Fatto Quotidiano “Devono ancora rispondere di quanto accaduto due anni fa, il M5S non arretra di un millimetro”.

La riconsegna del Ponte ma nasce dalle lungaggini del contenzioso tra Autostrade e Governo. L’infrastruttura, dunque, torna nelle mani dei Benetton, questo almeno fino ad una eventuale futura revoca della concessione.

Il Governatore della Liguria Giovanni Toti ha commentato: “Riconsegnato Ponte Morandi proprio ad Aspi. Dov’è finita la promessa di revocare loro le concessioni?”.  I rappresentanti della famiglia Benetton, per il momento, non hanno rilasciato dichiarazioni. Fino ad oggi  hanno sempre declinato ogni responsabilità in merito al crollo del 14 agosto 2018, pur essendo responsabili della manutenzione del tratto di strada che è improvvisamente crollato.

Fonte: Il Fatto Quotidiano, Il Giornale, Giovanni Toti Twitter

Il Giornale, Il Fatto Quotidiano