Home Politica La donne vogliono essere desiderate, dice lo psichiatra. Laura Boldrini: “Becerume maschilista”

La donne vogliono essere desiderate, dice lo psichiatra. Laura Boldrini: “Becerume maschilista”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:08
CONDIVIDI

L’ex Presidente della Camera Laura Boldrini accusa di maschilismo lo psichiatra Raffaele Morelli che – durante un’ intervista radiofonica – si è scontrato con la conduttrice Michela Murgia.

scontro morelli murgia boldrini

Complimenti a Morelli, un vero capolavoro di becerume maschilista”. Così l’ex Presidente della Camera Laura Boldrini ha commentato lo scontro – in diretta radiofonica – tra lo psichiatra Raffaele Morelli e la conduttrice Michela Murgia.

 

Dopo il recente scontro con il Governatore della Regione Umbria Donatella Tesei, questa volta, la scrittrice Michela Murgia si è trovata alle prese con il dottor Morelli. Durante un intervento su Radio Capital – spiega Fanpage –  Morelli aveva rilasciato dichiarazioni piuttosto impopolari circa le questioni di genere. Lo psichiatra – avvalendosi di teorie psicoanalitiche – aveva asserito che la donna si realizza attraverso la sua femminilità e che se, uscendo di casa, gli uomini non le mettono gli occhi addosso, allora dovrebbe preoccuparsi. “La donna può ottenere tutto il successo che vuole, ma il femminile in una donna è alla base su cui avviene il processo. Il femminile è il luogo che trasmette il desiderio. La donna  è la regina della forma, suscita il desiderio e guai se non fosse così”. 

Dichiarazioni che non sono piaciute alla scrittrice Michela Murgia la quale – in un’altra intervista su Radio Capital – attraverso un collegamento telefonico ha incalzato Morelli con una serie di domande sui ruoli e gli stereotipi legati al genere. Mentre Morelli stava spiegando che le bambine sviluppano il femminile già dalla tenera età giocando con le bambole, Murgia è intervenuta con tono critico e ha chiesto: “I bambini non giocano con le bambole? Forse perché non gliele diamo”. Al ché lo psichiatra – rivolgendosi alla conduttrice in modo informale usando il “tu” anziché il “lei” – l’ha accusata di fare domande stupide e sentendosi continuamente interrotto ha detto seccamente a Murgia di stare zitta. La conduttrice risentita ma battagliera più di prima ha controbattuto prima chiedendo a Morelli di rivolgersi a lei usando il “lei” e poi specificando che non aveva il diritto di cercare di zittirla: “Zitta lei a me non lo dice. Le sto facendo delle domande”. La diretta si è conclusa con Morelli che ha appeso il telefono in faccia ai conduttori di Radio Capital.

 

Non è la prima volta che l’ex Presidente della Camera scende in campo per i diritti delle donne. Lo scorso novembre scese in piazza a Roma per prendere parte alla manifestazione Non una di Meno. Manifestazione che in quanto contro la violenza sulle donne non ha alcuna bandiera politica. In quell’occasione la deputata Dem – riportava Open – disse: “Anche io vorrei un partito ideale ma non sempre è possibile. Quindi bisogna scegliere tra l’offerta politica che c’è. Se questa piazza non si trasforma in voti allora si fa un favore a chi vuole togliere diritti alle donne”. Tuttavia Boldrini – fino ad oggi – non ha speso una parola contro il Governatore della Campania Vincenzo De Luca che, qualche giorno fa, per attaccare il capo del Carroccio Matteo Salvini ha tirato in ballo anche la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni appellandola – con poco rispetto – “Vispa Teresa“. E sempre Boldrini non ha avuto nulla da ridire contro alcuni suoi colleghi di partito, come il sindaco di Milano Giuseppe Sala o il segretario del PD Nicola Zingaretti, che durante le Regionali in Emilia Romagna usarono parole scortesi contro la candidata di Centrodestra Lucia Borgonzoni.

 

Fonte: Fanpage, Laura Boldrini Twitter, Repubblica, Open

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]