Home Persone Fine del Lockdown, un morto in strada ogni sedici ore. Diego muore...

Fine del Lockdown, un morto in strada ogni sedici ore. Diego muore in via Tuscolana

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:07
CONDIVIDI

A Roma il sesto incidente stradale nel giro di pochi giorni. Questa volta la vittima è un ragazzo di 19  anni che ha perso il controllo dell’auto.

 

Ennesimo incidente stradale dalle conseguenze fatali: questa volta è accaduto a Roma, sulla via Tuscolana e a perdere la vita è stato un ragazzo di nemmeno 20 anni che guidava una Smart Fortwo bianca. In gravi condizioni l’amico, 19enne, che è stato soccorso dagli operatori del 118. La vittima – riporta Il Messaggero – si chiamava Diego Celkupa: studente presso l’istituto professionale per parrucchieri Formalba di Marino, il giovane avrebbe compiuto 20 anni a luglio. La dinamica dell’incidente non è ancora chiara. Stando alle prime ricostruzioni Diego avrebbe perso il controllo della sua auto schiantandosi contro un muro. I Carabinieri del nucleo Tuscolano, che sono intervenuti per gli accertamenti del caso, non escludono nessuna eventualità: forse sono state le condizioni della strada a causare l’incidente, come nel caso della giovane Elena Aubry, la ragazza deceduta in un tragico incidente in moto su Via Ostiense. Il ragazzo che era in auto con Diego, ricoverato all’ospedale San Camillo di Roma – riporta Roma Today – sarà forse in grado di aiutare gli inquirenti a ricostruire l’accaduto, una volta dimesso. L’unica cosa certa, secondo le Forze dell’Ordine, è che non ci sono altri veicoli coinvolti nell’incidente.

Le vittime della strada erano diminuite durante il lockdown che ha limitato la circolazione nella Capitale. Solo negli ultimi quattro giorni, invece, sono morte sei persone a causa d’ incidenti in auto o moto, una cifra che fa paura: un morto ogni sedici ore. A questi sei decessi si sommano dieci feriti gravissimi, tutti ricoverati in codice rosso. Le ultime vittime della strada a Roma e nei comuni limitrofi – riferisce Fanpage – sono una ragazza di appena 30 anni, vittima di uno scontro frontale con un camion sulla strada che da Montalto di Castro porta a Tuscania; un uomo che ha perso la vita sulla strada per Frosinone; una 58enne vittima di un drammatico scontro sulla Via Pontina; un ragazzo di appena 19 anni che si è schiantato con il suo motorino contro un furgone nei pressi di Latina e il 14enne Mattia Roperto, travolto da un’automobile mentre attraversava sulle strisce pedonali in zona Infernetto. Una delle cause dei continui incidenti stradali è probabilmente la disattenzione dei conducenti. Ma non sempre si può attribuire tutta la responsabilità a chi guida e anche nei casi più eclatanti, il comune avrebbe forse potuto fare qualcosa.  In seguito alla morte di Mattia, su Change.org – riporta Il Corriere della Sera – è stata lanciata un petizione che chiedere nuovi attraversamenti pedonali nelle aree più rischiose, come il tratto di strada dove ha perso la vita l’adolescente che, secondo alcuni residenti, era già tristemente noto per la sua pericolosità.

Fonte: Il Messaggero, Roma Today, Fanpage, Corriere della Sera

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]

Il Messaggero, Roma Today, Fanpage, Il Corriere della Sera