Home Stampa Mainstream Gli studenti non sono imbuti da riempire, dice il Ministro Lucia Azzolina

Gli studenti non sono imbuti da riempire, dice il Ministro Lucia Azzolina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:33
CONDIVIDI

Lucia Azzolina nel mirino dei social e delle critiche. La metafora utilizzata in conferenza per paragonare studenti ad imbuti da riempire ha fatto il giro nel web, passando senza dubbio come una gaffe che il popolo del web non ha gradito. Ma oggi il Ministro si difende. 

azzolina imbuti - Leggilo

Qualche volta si sbaglia. Qualche altra si prova a rimediare. In certi casi, però, il rimedio è peggio dell’errore stesso. Il Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina ha provato, forse senza ottenere il successo sperato, a rimediare alla sua gaffe dei giorni scorsi circa la metafora usata per descrivere gli alunni delle scuole. “Gli studenti non sono imbuti da riempire”, ha detto la pentastellata per invitare ai docenti ad inseguire metodi di insegnamento più virtuosi durante la didattica a distanza, unica soluzione per sopperire all’impossibilità – causa Covid-19 – di far ritorno tra i banchi di scuola. Una metafora, tuttavia, che difficilmente può essere applicata. Un imbuto non si riempie; e comunque, se si riempie, poi si svuota.

Eppure, quella della Azzolina sarebbe stata una citazione, non una gaffe, scrive Il Corriere della Sera. In seguito all’ironia e ai post di commento diffusisi sui social, il Ministro ha spiegato: “L’imbuto di Norimberga è una metafora dell’apprendimento molto nota nel mondo della scuola“, scrive sui social. Indicherebbe, a suo dire, uno studente a cui vengono versate nozioni in testa attraverso un imbuto. L’apprendimento, invece, non funziona così. Questo avrebbe inteso la Azzolina, contando nella comprensione da parte dei docenti, in quanto la metafora sarebbe d’uso comune in quegli ambienti.

Qualcuno mi ha preso alla lettera soffermandosi sul fatto che gli imbuti non si riempiono ma si usano per riempire”, ha proseguito il Ministro su Facebook. Lucia Azzolina ha poi chiarito che nessuno al ministero ha provato a “infilare imbuti in testa ai ragazzi versandoci dei libri (liquefatti ovviamente), prima di dire che non funzioni”. Poi ha invitato ad informarsi sul concetto usando un semplice motore di ricerca, prima di giudicare e dare il via ai battibecchi sui social.

L’imbuto di Norimberga è una metafora sull’apprendimento molto nota nel mondo della scuola: uno studente a cui vengono…

Pubblicato da Lucia Azzolina su Martedì 19 maggio 2020

Fonte: Corriere, Lucia Azzolina Facebook

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]