Ritrovato il corpo di un medico prossimo a grandi scoperte sul Coronavirus, che ci avrebbe permesso di fare notevoli passi avanti. C’è chi grida al complottismo. 

virus cinese - Leggilo

Sono ormai mesi che il Covid-19 gira tra noi, tra le nostre vite, e nella vita di tutta giorni. Un virus subdolo, mutevole e difficile da studiare e proprio per questo migliaia  sono gli scienziati di tutto il mondo al lavoro per scoprire qualcosa di più al riguardo. Molti hanno deciso di investire nella costruzione di nuove aeree ospedaliere o nella ricerca – ne è un esempio Bill Gates, che annuncia di voler finanziare il vaccino su scala mondiale, quando sarà disponibile. Tra le persone che ogni giorno lavorano per far uscire il mondo dalla terribile pandemia che lo ha colpito a inizio 2020 c’era Bing Liu, medico cinese dell’Università di Pittsburgh,  – Pennsylvania. L’uomo è stato ritrovato morto nella sua casa lo scorso sabato dopo essere stato raggiunto, sembra, da alcuni promettili. Gli investigatori hanno confermato che il movente dell’omicidio è stato personale. Un altro uomo, Hao Gu, sarebbe stato trovato morto nella propria auto non lontano dall’abitazione: un presunto delitto di passione, queste sono le ipotesi, a cui sarebbe seguito il suicidio dell’assassino. Pare che i due si contendessero la stessa donna.

Il Corriere riporta che B. Liu era nato in Cina e si è laureato all’Università di Singapore, conseguendo il Phd in scienze informatiche. Stando a quanto dicono i suoi colleghi era un grande ricercatore, sul punto di “ scoprire qualcosa di significativo”. E’ proprio questo che arriva a sconvolgere maggiormente l’opinione pubblica: il medico 37enne sembra fosse sul punto di fare notevoli passi avanti sullo studio del Coronavirus, grazie a “la comprensione del meccanismo cellulare alla base dell’infezione da SARS-CoV-2 e alla base delle complicazioni che ne seguono”. Queste le parole dei colleghi che tuttavia non esitano a promettere: “Faremo tutto il possibile per completare il suo studio in modo da rendere omaggio alla sua eccellenza scientifica”.

Le teorie complottiste

Non sono mancate le teorie complottiste sulla morte del medico: per alcuni Bing avrebbe scoperto che il virus era stato prodotto in un laboratorio americano, e per questo era preso di mira dalle autorità, ipotesi che al momento risultano prive di fondamento. La morte del medico cinese avviene nei giorni segnati dai ripetuti attacchi di Donald Trump alla Cina. Il Presidente Usa accusa il paese asiatico di aver tenuto il resto del mondo all’oscuro per troppo tempo sull’origine e la diffusione del virus. Donald Trump afferma di avere  prove schiaccianti contro la Cina, ma non di poterle divulgare. Cert ricorda Agi, la pandemia ed i rapporti con la Cina avranno un ruolo determinante nelle prossime presidenziali americane. E la morte del medico cinese non sembra una storia destinata a chiudersi con un referto della polizia di Pittsburgh.

Simona Contaldi

Fonte: Corriere,

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui