Coronavirus, muore la mamma di Pep Guardiola

0
2

Dolors Sala Carrió a Manresa, madre di Pep Guardiola, allenatore di calcio ed ex calciatore spagnolo, tecnico del Manchester City, è deceduta a causa del Covid-19. 

La famiglia del Manchester City è devastata nel riferire oggi la morte della madre di Pep Guardiola, Dolors Sala Carrió a Manresa, a Barcellona, dopo aver contratto il coronavirus. Aveva 82 anni”. Con questa nota ufficiale, il Manchester City ha annunciato la morte della madre di Pep Guardiola, allenatore di calcio ed ex calciatore spagnolo, oltre che tecnico del Manchester City.

Tutti coloro che sono associati al club inviano le loro più sentite condoglianze a Pep, alla sua famiglia e a tutti i loro amici in questo momento così doloroso a Pep“, ha concluso il comunicato del City. L’ex allenatore di Barcellona e Bayern Monaco  era tornato in Spagna nei giorni scorsi per stare accanto alla madre che aveva contratto il Covid-19. La notizia è stata rapidamente ripresa dalle agenzie di Stampa, come Adnkronos, e ha fatto il giro del mondo, portando sconforto nel mondo del calcio e dello sport.

Attori, politici, calciatori, giornalisti, artisti: il Covid-19 non fa sconti a nessuno e non conosce limiti. Per questo, nessuno è immune e siamo tutti in pericolo. Tra i primi contagiati c’è stato lo scrittore cileno Luis Sepulveda, 70 anni, ricoverato all’ospedale di Oviedo, in Spagna. Le sue condizioni sono serie, informa l’Ansa, ma la moglie ha smentito le false notizie circa un suo stato di coma e irreversibile. In Italia, è toccato poi a Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio e segretario del PD; ma anche a Piero Chiambretti e a sua madre, deceduta; ancor prima al giornalista Nicola Porro. L’elenco si è via via allungato: colpito il governatore del Piemonte Alberto Cirio; poi i parlamentari Claudio Pedrazzini del Gruppo Misto; Edmondo Cirielli di Fratelli d’Italia; l’ex ministro Luca Lotti.

L’elenco è ancora lungo. In Spagna è stato contagiato il Ministro delle Pari Opportunità Irene Montero, compagna del leader di Podemos Pablo Iglesias; ma anche il Premier spagnolo Pedro Sanchez e il premier canadese Justin Trudeau. Anche Itziar Ituño, ispettore Murillo e Lisbona del telefilm “La casa di carta“, è risultata positiva al Coronavirus. Tra gli attori ha fatto il giro del mondo la positività di Tom Hanks e di sua moglie, mentre in Italia sta lottando contro il virus Giuliana De Sio, appena dimessa dallo Spallanzani.

Quanto al mondo dello sport, il primo in Italia è stato il difensore della Juve Daniele Rugani, seguito da Manolo Gabbiadini, bomber della Sampdoria e da Dusan Vlahovic della Fiorentina: contagi che hanno costretto alla quarantena i loro compagni di squadra e i più recenti avversari. Inoltre, il  35% della squadra della Valencia è risultato contagiato. Negli USA la positività di Rudy Gobert e Donovan Mitchell degli Utah Jazz, a cui è seguita quella di molti altri player del campionato, ha imposto lo stop alla NBA.

Fonte: Ansa, Adnkronos, Manchester City Twitter

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui