Home Cronaca Morire di Coronavirus è terribile, dice Vincenzo De Luca e chiama l’Esercito

Morire di Coronavirus è terribile, dice Vincenzo De Luca e chiama l’Esercito

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:31
CONDIVIDI

Nel corso di una diretta social, il Governatore della Campania ha fatto il punto della situazione sull’emergenza sanitaria nella Regione. E non ha risparmiato stoccate al Ministro dell’Interno e al Governo. 

De Luca: "Terribile la morte da Covid-19. Ho chiesto più unità dell'Esercito" - Leggilo.org

Dall’inizio dell’emergenza sanitaria da Covid-19 nel nostro Paese, il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha richiesto al Governo guidato dal Premier Giuseppe Conte misure più restrittive, accodandosi spesso ai Governatori della Lombardia e Veneto, Attilio Fontana e Luca Zaia. Pochi giorni fa, De Luca, aveva denunciato i ritardi di Roma per la fornitura di materiale protettivo da destinare ai medici dei presidi sanitari campani. Non solo: mostrando in diretta una delle poche mascherine arrivate, aveva spiegato come quel materiale fosse decisamente inadatto a proteggere non solo i medici, ma anche i cittadini, da qualsiasi virus.

Come spiega Il Fatto Quotidiano, nella consueta diretta del venerdì, De Luca ha parlato dei programma della Regione nel contrasto alla crisi economica: “Pronti 500 milioni per un piano economico sociale per il sostegno alle fasce più debole della popolazione, agli immigrati e alle imprese”.

De Luca non ha risparmiato accuse al Governo, in primo luogo tornando sulla questione della circolare del Viminale, guidato da Luciana Lamorgese, che nei giorni scorsi ha creato molta confusione, annunciando la possibilità di poter uscire con i propri bambini per fare una passeggiata, anche se nelle vicinanze della propria abitazione. Il Presidente campano è perentorio: “Se non stringiamo i denti ora, rischiamo di tener chiusi i bambini a casa fino a luglio”. E ancora: “In questi giorni ho visto crescere un dibattito francamente lunare sui rapporti tra Stato e Regioni. Questo è il momento meno adatto per aprire dibattiti sui rapporti istituzionali. Quello che, però, so è che senza l’impegno delle Regioni, l’Italia sarebbe sprofondata”. 

De Luca si concentra su quella che sarà la cosiddetta fase due, quella che per il Premier Conte è la fase di convivenza con il virus, sapendo bene che, per chi ha vissuto la tragedia dell’infezione in prima persona, chi ha perso un proprio caro a causa del Covid-19 tornare alla normalità sarà impossibile. Cambierà tutto, spiega il Governatore campano, i nostri rapporti sociali in primis: “Cambierà la gerarchia dei valori nella vita di ognuno di noi. Quando sento le dichiarazioni di persone che hanno avuto il contagio, rimango impressionato: hai la sensazione di essere a un passo dalla morte, non respiri, una morte terribile“. E ancora: “Finora la politica in Italia ha ragionato a brevissimo termine. La politica seria e responsabile ha bisogno anche di tempi medio-lunghi, di programmazione, di organizzazione dei grandi servizi di civiltà. E non dei tweet e delle fesserie”.

Come aggiunge Repubblica, De Luca ha denunciato ancora troppi assembramenti, e cittadini che non rispettano i divieti delle misure di quarantena, tanto da dover richiedere l’intervento di nuove unità dell’Esercito per dar manforte a Polizia e Carabinieri che da un mese pattugliano il territorio: “Ho dovuto chiedere l’invio di altre 300 unità delle forze armate nel controllo del territorio. Abbiamo troppe realtà nell’area metropolitana campana nella quale c’è una disinvoltura che fa paura”. De Luca ha poi annunciato che saranno presi provvedimenti nei confronti di alcuni centri per anziani che, in questi giorni di emergenza, non stanno proteggendo le persone più a rischio anzi, li stanno lasciando a loro stessi. Il Governatore ha annunciato che arriveranno presto denunce. E intanto ha annunciato che servirà un piano per le carceri: De Luca è preoccupato per il sovraffollamento della Casa Circondariale di Poggioreale, una vera e propria bomba ad orologeria.

Infine De Luca ha concluso il suo intervento chiedendo ai cittadini a non cadere nelle fake news e a chi sta approfittando dell’emergenza per fare propaganda politica. Ha aggiunto il Governatore: “Il tampone a tutti è una doppia idiozia: primo, perché anche quando l’hai fatto lo devi rifare dopo 15 giorni per avere la certezza assoluta, poi perché è impensabile farlo a 6 milioni di cittadini”. E ancora: “Inoltre, i tamponi non ci sono, è uno dei ritardi che registriamo nelle forniture nazionali. Due giorni fa ho parlato con la casa farmaceutica Roche, perché arrivavano in scarsa quantità i reagenti per i tamponi”. L’ex Sindaco di Salerno ha poi annunciato la realizzazione di un ospedale modulare di 120 posti di terapia intensiva che sarà costruito, in soli 10 giorni dice quasi a voler sfidare la Regione Lombardia che ha realizzato l’ospedale nell’ex Fiera di Milano in 15 giorni, in un territorio che sia ben collegato con le provincie di Caserta, Salerno e Napoli, probabilmente nella zona di Pomigliano D’Arco.

Coronavirus: il punto della situazione

🔴 #CORONAVIRUS: facciamo il punto su tutte le iniziative che stiamo mettendo in campo per fronteggiare l'emergenza.

Pubblicato da Vincenzo De Luca su Venerdì 3 aprile 2020

 

Fonte: Il Fatto Quotidiano, Repubblica

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]

Il Fatto Quotidiano, Repubblica