Brescia, file immense fuori dai supermercati. E una cassiera muore di Coronavirus

0
2

Una cassiera dell’Ipersimply, un supermercato di Brescia, è deceduta dopo aver contratto il Coronavirus. Il test ha dato esito positivo dopo la sua morte.

Crescono di giorno in giorno i contagi da Coronavirus, che si sta diffondendo sempre di più nel nostro Paese, contribuendo a diffondere paura e preoccupazione tra le persone, ormai assalite da isteria e panico di massa. L’assalto di massa ai supermercati è ormai routine anche se, come sappiamo, i supermarket non chiudono, come deciso da decreto. Chiaramente, i rischi di contagio nei magazzini di grande distribuzione sono amplificati. Quanto accaduto a Brescia lo dimostra.

Infatti, informa Il Messaggero, una dipendente del supermercato della catena Simpy Market, in via Valle Camonica, è deceduta dopo aver contratto il virus. La donna, impiegata come cassiera, aveva solo 48 anni, ed era a casa da ben una settimana con febbre alta. Le condizioni sembrerebbero essersi aggravate nel giro di una notte, portandola al decesso in mattinata. Eseguito il tampone, la vittima è risultata positiva al Covid-19. Subito sono partite le opere di sanificazione della struttura che ha, momentaneamente, chiuso. Intanto, i supermercati si organizzano per il weekend e da Palazzo Chigi arrivano le prime disposizioni: supermercati e alimentari saranno aperti nel fine settimana, alcune catene invece, tra le quali figura anche EsseLunga, hanno deciso di chiudere domenica 22 e 29 Marzo, con orari ridotti fino al 3.

Nel frattempo crescono le emergenze da Coronavirus e l’Italia supera i numeri della Cina, diventando il Paese con più morti al mondo. Come riportato da GiornaleBrescia, è proprio il territorio Bresciano, che, dopo aver contato la morte di ben 78 cittadini in un solo giorno, è diventata la città con più nuovi casi nella mappa del contagio. Parole di preoccupazione quelle che arrivano dell’assessore Giulio Gallera che, in una diretta Facebook, annuncia, non senza preoccupazione, la crescita di contagi. Brescia supera ormai Bergamo, con un totale di 514 casi dall’inizio dell’epidemia. Gallera ha poi invitato come sempre i cittadini a rimanere in casa per limitare il contagio e la diffusione del virus, e per tutelare il benessere di tutti.

Simona Contaldi

Fonti: il Messaggero, Giornale Brescia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui