Home Cronaca Coronavirus, primo caso a New York: in Italia 1700 contagi

Coronavirus, primo caso a New York: in Italia 1700 contagi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:48
CONDIVIDI

Stando agli ultimi dati, sono 3 mila i morti per Coronavirus. In Italia quasi 1700 contagi, mentre a New York è stato registrato un primo caso. 

Corona virus new york - Leggilo

Giuseppe Conte prova a prevenire i rischi del Coronavirus, varando un nuovo Decreto d’emergenza che divide l’Italia in tre zone, applicando per ciascuna specifiche misure d’emergenza. Questo, dal punto di vista legislativo, è quanto accaduto nelle ultime ore. Ore di ansia e preoccupazione, legate alla crescente diffusione dell’epidemia e il cui contenimento potrebbe certamente far tirare un sospiro di sollievo. Per ora, tuttavia, l’ipotesi appare lontana.

Al contrario, “il rischio Coronavirus nell’Europa è passato da moderato a alto”. Lo ha detto in una Conferenza stampa di queste ore Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione UE. “Abbiamo una situazione che è molto complessa, che richiede da un lato azione rapida e dall’altro forte coordinamento a tutti i livelli, sia europeo sia nazionale“, ha aggiunto von der Leyen.

Intanto il Covid-19 è arrivato anche a New York, informa l’Ansa, mentre un settantenne è deceduto sabato nella zona di Seattle, nello stato americano di Washington, ed è la seconda morte legata alla malattia negli USA. L’uomo aveva 70 anni ed era “condizioni di salute scarse“, secondo l’ufficio di sanità pubblica nella contea di King, la più popolosa dello Stato e sede di Seattle, città di oltre 700.000 abitanti. La paziente infettata a New York, invece, è una donna di circa 30 anni che ha contratto il virus mentre viaggiava in Iran ed è attualmente isolata nella sua casa. La donna non è tuttavia in gravi condizioni.

I timori del Primo Cittadino Bill De Blasio sembrano essere divenuti realtà. “Avevamo sempre detto che era solo una questione di tempo prima che un caso venisse localizzato a New York“, ha riferito, come si legge sul NewYorkTimes. Il Sindaco ha invitato i cittadini a non allarmarsi e ad evitare ansie eccessive. Ma se il rischio complessivo rimane basso a New York City, sale invece il numero dei contagiati nel nostro Paese. In Italia sono quasi 1700 i contagi, con 42 decessi. Non va meglio al resto del mondo. Gli ultimi dati, riportati dal Corriere, parlano di oltre 3 mila i morti in 65 Paesi.

Nella serata di ieri, nel consueto bollettino quotidiano diramato dalla Protezione Civile, Angelo Borrelli aveva parlato di 1577 contagi, di cui il 51% in isolamento domiciliare. Un numero aumentato nel giro di poche ore. Borrelli ha parlato di contagiati asintomatici, ovvero che non presentano sintomi oppure hanno sintomi lievi tali da non rendere necessario il loro trasporto nelle strutture ospedaliere. I pazienti ricoverati con sintomi erano fino a ieri 639, la maggior parte ricoverati in terapia intensiva. Borrelli ha inoltre comunicato che sono stati effettuati 21.127 tamponi.

Liguria, muore una donna

Tra questi, informa l’Ansa, un poliziotto risultato positivo a Roma dopo i test eseguiti durante la notte presso l’istituto Spallanzani. Il liceo del figlio dell’agente, a Pomezia, è stato chiuso a scopo precauzionale. Sospese anche, sempre in via precauzionale le lezioni del Corso di Laurea in Informatica all’università Sapienza di Roma, frequentato dall’altro figlio dell’agente. In totale, sono 12 al momento i casi positivi accertati tra Roma e Provincia. Allo Spallanzani si contano 7 ricoverati, a cui va aggiunto il nucleo familiare del poliziotto ricoverato, tutti positivi e in sorveglianza sanitaria a casa, e un vigile del fuoco positivo al test e in sorveglianza nella caserma di Capannelle.

Ancora, informa Adnkronos, l’hotel Garden di Laigueglia – dove soggiornava una signora lombarda deceduta per cause naturali, ma risultata positiva al Coronavirus – è stato posto in isolamento.  La donna risultava in sorveglianza attiva. A disporre il sequestro dell’albergo è stato il Sindaco di Laigueglia, Roberto Sasso Del Verme. Quanto alle 40 persone presenti in hotel, il personale e i proprietari, questi sono stati riaccompagnati nei loro domicili dove sono stati posti a regime di quarantena obbligatoria.

Fonti: Twitter European Commission, New York Times, Corriere, Ansa, Adnkronos