Home Stampa Mainstream Salvini e la sconfitta in Emilia: “La citofonata al tunisino è stata...

Salvini e la sconfitta in Emilia: “La citofonata al tunisino è stata un grave errore”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:57
CONDIVIDI

Il giornalista Enrico Mentana giudica molto negativamente la citofonata compiuta dal capo del Carroccio Matteo Salvini nela periferia di Bologna. “Mina le basi della convivenza civile”.

Enrico Mentana critica Salvini - Leggilo.org

 

Gli ultimi giorni della campagna elettorale in Emilia Romagna sono stati spesi, in gran parte, a commentare la citofonata compiuta dal leader della Lega Matteo Salvini nella periferia di Bologna. In pratica – come riportava Il Fatto Quotidiano – nella serata di martedì 21 gennaio, Salvini, su indicazione di una residente della zona, si era recato nel quartiere Pilastro di Bologna accompagnato dalle forze dell’ordine e da alcuni giornalisti. E, in diretta Facebook, aveva citofonato ad una famiglia di presunti spacciatori tunisini chiedendo se era vero che da casa loro partiva tutto il giro di spaccio del quartiere come gli era stato riferito dalla donna che lo aveva chiamato. Questo evento è stato commentato da più voci. Il deputato tunisino Sami Ben Abdelaali ha accusato il capo del Carroccio di voler infangare la reputazione degli immigrati tunisini. Lo scrittore Fabio Volo, nel corso della sua trasmissione radiofonica “Il Volo del mattino”, in onda su Radio Deejay, ha insultato pesantemente l’ex Ministro dell’Interno definendolo “Un uomo senza gli attributi”. Anche il leader delle Sardine Mattia Santori non ha risparmiato attacchi contro Salvini e lo ha accusato di prendersela con dei poveri extra comunitari per bene. A questo coro di polemiche si è aggiunta anche la voce del giornalista Enrico Mentana il quale, durante un’ospitata alla trasmissione Tagadà su La7, ha definito gravissimo il gesto di Matteo Salvini in quanto, a suo dire, minerebbe uno dei cardini della convivenza civile: la presunzione d’innocenza fino a prova contraria. Anche se, in base a quanto riportato dal video della citofonata su Facebook, Matteo Salvini non ha accusato nessuno. Ha soltanto chiesto conferma o smentita di quanto gli era stato comunicato al padre del presunto spacciatore che gli ha risposto al citofono.

Sempre su La7, il giornalista Enrico Mentana, insieme ad altri ospiti, ha ironizzato sul fatto citando la canzone “Piange il telefono” da lui ribattezzata in “Piange il citofono“. Il siparietto è avvenuto mentre si commentavano i risultati elettorali delle regionali in Emilia Romagna, nella tarda serata di domenica 26 gennaio. E sempre Mentana non ha mancato di specificare: “Se tra Stefano Bonaccini e Lucia Borgonzoni ci sono 11 punti di distacco, beh questa si chiama proprio sconfitta”.

Fonte:Il Fatto Quotidiano, La7.it.