Home Stampa Mainstream Lilli Gruber: “Ha fatto il ministro per 14 mesi, Salvini, e ora...

Lilli Gruber: “Ha fatto il ministro per 14 mesi, Salvini, e ora citofona alla gente”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:07
CONDIVIDI

Il presunto spacciatore di origini tunisine alla cui famiglia ha citofonato il leader della Lega Matteo Salvini, interviene per scagionarsi e dichiara di voler denunciare la donna che ha portato Salvini sotto casa sua.

salvini citofonata parla presunto spacciatore

La citofonata compiuta martedì 21 gennaio dal leader della Lega Matteo Salvini nel quartiere Pilastro di Bologna passerà ormai alla storia visto tutto il clamore che ha suscitato  in poche ore. Il segretario del Carroccio – come ha riportato Il Fatto Quotidiano – accompagnato dalle forze dell’ordine e da giornalisti, su indicazione di una cittadina bolognese, nella serata di martedì 21 si è recato nel quartiere Pilastro e ha suonato al citofono di una famiglia tunisina. Al citofono ha risposto un uomo a cui Salvini ha detto: “Per favore potrebbe farci salire. Ci hanno informato che da casa vostra parte il giro di spaccio del quartiere. Vorremmo verificare e assicurarci che non sia così”. Questo gesto ha suscitato lo sdegno di esponenti del Parlamento di Tunisi ma anche di politici locali come il sindaco di Bologna Virginio Merola che ha accusato Salvini di farsi campagna elettorale sulla droga. Non sono mancati pesanti insulti da parte dello scrittore Fabio Volo che, in diretta radiofonica su Radio Deejay, ha definito Matteo Salviniun uomo senza gli attributi che se la prende con un povero tunisino”. E ora – intervistato da Fanpage – ha deciso di dire la sua anche il presunto spacciatore. Si tratta di un ragazzo di soli 17 anni di origini tunisine. “Come si sono permessi?In passato ho fatto di tutto e di più, lo ammetto. Ma ora sono un ragazzo a posto, vado a scuola”. Il ragazzo sostiene di esserci rimasto molto male per il blitz di Salvini non tanto per se stesso quanto per la sua famiglia che- secondo le sue affermazioni – è una famiglia onesta e di lavoratori. Poi aggiunge che ha intenzione di sporgere denuncia per diffamazione contro la donna che ha portato Matteo Salvini sotto casa sua. “La incrocio a volte qui nel parcheggio sotto casa perché abbiamo entrambi i cani. Cosa può mai sapere di cosa faccio io? Ora la denuncio così impara”.

Sul caso è intervenuta anche la giornalista Lilli Gruber, riferisce l’Adnkronos, criticando i suoi colleghi:  “Fanno impressione anche i giornalisti, che anziché fargli delle domande, ridacchiano. E’ stato ministro degli interni per 14 mesi, cosa fa il rivoluzionario?” La domanda è se un politico non debba risolvere questi problemi seriamente oppure sfruttare queste paure e alimentarle“.

Fonte: Fanpage, Il Fatto Quotidiano, Adnkronos

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]