Home Cronaca Padova, il bimbo non dorme, lei lo scuote violentemente: danni gravissimi

Padova, il bimbo non dorme, lei lo scuote violentemente: danni gravissimi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:27
CONDIVIDI

Nel padovano una donna di 29 anni per far addormentare il figlio di appena 5 mesi, lo ha scosso violentemente. Il bambino ora è in fin di vita.

Scuote il figlio di 5 mesi - Leggilo.Org

 

Tragedia nel padovano. Una ragazza di 29 anni, per far addormentare il figlioletto di soli 5 mesi, lo ha scosso violentemente. Il bimbo ora è in fin di vita. Come riferisce l’Ansa il bambino, da sabato, si trova ricoverato nel reparto di terapia intensiva di Pediatria a Padova.  E’ stata la madre stessa a chiamare il 118 dopo essersi accorta che il bambino aveva smesso di respirare. Interrogata dai carabinieri  e dal magistrato Robero Piccione, la donna, di origini vicentine, ha dichiarato: “Non ne voleva sapere di addormentarsi. Io ero molto stanca e così l’ho cullato in modo forse un po’ troppo energico”. Ora la donna è indagata per lesioni aggravate gravissime. Venerdì 27 dicembre  verranno effettuati accertamenti da parte di esperti della Procura. Questo caso potrebbe rientrare nella sindrome chiamata “Baby shakesyndrome“, ovvero la sindrome del bambino scosso che causa danni cerebrali gravissimi nei neonati.Nei primi mesi di vita, infatti, i muscoli cervicali del collo dei neonati sono ancora deboli. Quindi se un bambino viene scosso con forza il cervello si muove liberamente all’interno del cranio, provocando ecchimosi, gonfiore e sanguinamento dei tessuti

Questa sindrome è ancora poco conosciuta dai genitori e anche da molti pediatri. Riferisce la Repubblica che qualche mese fa, Terre des Hommes proprio per farla conoscere, lanciò la prima campagna nazionale di sensibilizzazione dal nome “Non scuoterlo mai!”. Questo fenomeno è molto frequente negli Stati Uniti. Si stima che negli USA colpisca 30 bambini ogni 100.000 nati l’anno. Non ci sono dati relativi all’Italia ma purtroppo anche qui il fenomeno esiste e , nei casi più gravi, i neonati non ce la fanno e muoiono di morte cerebrale. Un bambino che è stato scosso violentemente si riconosce perché quando arriva in ospedale si presenta iporeattivo o letargico, ipotonico, rigido, respira con fatica. In alcuni casi può avere convulsioni, crisi. Talvolta i neonati si mostrano semplicemente molto irritabili e, dunque, diventa più difficile diagnosticare subito la sindrome del bambino scosso.

Fonte: Ansa, Repubblica.

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]