Home Cronaca Nibras, una ragazza musulmana tra le Sardine: “Gli elettori di Salvini mi...

Nibras, una ragazza musulmana tra le Sardine: “Gli elettori di Salvini mi fanno pena”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:55
CONDIVIDI

Tra le fila delle sardine anche una ragazza musulmana che indossa l’hijab. Durante la manifestazione di sabato 14 dicembre a Roma, dal palco ha letto alcuni articoli della Costituzione e ha detto: “A Salvini e Meloni la mia presenza in Italia non piacerà. Ma io sono fiera di essere musulmana”. 

sardine fiera essere musulmana meloni

Tante le novità delle sardine durante la manifestazione romana di sabato 14 dicembre. In primis l’enunciazione dei sei punti del programma da parte del loro leader, il bolognese Mattia Santori e il desiderio di creare un movimento trasversale, più ampio ed eterogeneo possibile, emblematicamente rappresentato dalla presenza di una sardina musulmana che indossa l’hijab. La giovane di nome Nibras è salita sul palco di piazza San Giovanni e – riferisce Adnkronos – ha dichiarato: “Io sono fiera di essere musulmana. A gente come Salvini e Meloni io do fastidio perché sono figlia di palestinesi ma io sono qua e non me ne vado!”. Parole seguite da grandi applausi e grida d’incoraggiamento anche da parte del marito della donna che l’ha accompagnata alla manifestazione.

Siamo qui per denunciare le politiche di odio messe in atto da Matteo Salvini e Giorgia Meloni, perché anche lei non è da meno“, spiega ai microfoni del Giornale. La giovane donna ha lamentato la “discriminazione contro i musulmani. Ormai in Italia siamo diventati un capro espiatorio – ha detto – soprattutto noi donne, che siamo viste come sottomesse, senza un’istruzione o una carriera“.

Siamo come le donne italiane – ha detto  – lavoriamo, siamo madri, facciamo la stessa identica vita e siamo parte integrante di questa società. La mia comunità, al contrario, è continuamente sotto i riflettori ed è accusata di qualsiasi cosa. Quello delle sardine – ha sottolineato  – è un movimento che promuove la libertà contro il clima di odio che si sta diffondendo e che è veramente preoccupante“. Molto dure le parole verso l’ex Ministro dell’Interno. “Salvini? È un ignorante perché non conosce la Costituzione. Chiede pieni poteri? Ma dove crede di essere? Le pagine nere della storia italiana sono morte e sepolte, non gli permetteremo di riaprirle“, Nibras insiste: “I suoi elettori mi fanno pena. Lui è ignorante, è stupido – sottolinea  – cerca di convincere queste persone facendo leva sulle loro paure e preoccupazioni, che sono anche le nostre”. Poi si rivolge direttamente ai leghisti: “Mi fate pena, spero che un giorno vi svegliate” ed esorta gli elettori del Carroccio a  “leggere e studiare la Storia“.

Il segretario del Carroccio Matteo Salvini non ha raccolto la provocazione mentre non si è tirata indietro la battagliera Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia che su Twitter ha risposto: “Sei fiera di essere musulmana? Ok. E io allora non posso essere altrettanto fiera di essere cristiana?”

 

Quello che non mi è chiaro della simpatica ragazza nel video è: perché se tu sei fiera di essere islamica, io non posso esserlo di dirmi cristiana? pic.twitter.com/Gfe99rp0Jh

— Giorgia Meloni  ن (@GiorgiaMeloni) December 14, 2019

Ma il marito della giovane sardina musulmana non ha voluto lasciare a Meloni l’ultima parola ed è intervenuto a difendere la consorte: “Mia moglie è molto più simpatica di te. Quindi stai zitta.”

Grazie a Laura Boldrini che ci ha ricevuto nel suo ufficio.أشكر رئيسة البرلمان الايطالي السابق لاورا بولدريني على…

Pubblicato da Mahmoud Asfa su Mercoledì 5 dicembre 2018

 

Fonte: Adnkronos, Giorgia Meloni Twitter

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]