Home Archivio Il Sindaco di Biella: “Sono stato un cretino, chiedo scusa a Liliana...

Il Sindaco di Biella: “Sono stato un cretino, chiedo scusa a Liliana Segre”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:59
CONDIVIDI

Nella serata di ieri, dopo il rifiuto di Ezio Greggio per la cittadinanza onoraria della città, il Sindaco di Biella Claudio Corradino ha chiesto scusa, sia al popolare conduttore sia alla senatrice a vita Liliana Segre. Per il primo cittadino è stata montata ad arte una vicenda che non corrisponde alla realtà.

Segre, il sindaco di Biella chiede scusa - Leggilo.Org

 

Dopo la polemica rovente dei giorni scorsi il Sindaco di Biella Claudio Corradino prova a placare gli animi e a dare una sua versione dei fatti. Come riporta l’agenzia Ansa, il sindaco leghista della città piemontese ammette l’errore commesso dalla sua giunta, ma denuncia una speculazione politica, anche a livello nazionale, avvenuta sul caso. Nei giorni scorsi aveva fatto molto discutere infatti la notizia della bocciatura di una mozione, presentata dalla minoranza in Comune, che avrebbe voluto attribuire la cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre. Ad alimentare ulteriormente la polemica ci aveva pensato la proposta della giunta, appena due giorni dopo, di proporre lo stesso titolo per il comico e conduttore Ezio Greggio.

Una situazione che è diventata bersaglio della cronaca politica in poche ore, culminata con un comunicato, apparso sull’edizione torinese di Repubblica, in cui Ezio Greggio rifiutava l’onorificenza per “rispetto nei confronti della senatrice Liliana Segre, per tutto ciò che rappresenta, per la storia, i ricordi e il valore della memoria”.

Il Sindaco di Biella: “Sono stato un cretino, chiedo scusa”

Nella serata di ieri il Sindaco Corradino, ospite del programma “Stasera Italia”, ha fatto mea culpa, ma ha denunciato la strumentalizzazione che, a suo dire, è stata creata ad hoc sulla caso: “Io sono stato un cretino, lo ammetto, e chiedo scusa alla Segre e a Greggio, però su questa cosa è stata fatta una speculazione indegna da parte di tutti quanti e mi dispiace. Il risultato è stato negativo, ingiustamente. Una grandissima sciocchezza che è diventata una cosa nazionale. La Signora Segre non ha bisogno che arrivi il Sindaco di Biella a darle la cittadinanza, è un ‘patrimonio dell’umanità’ e le chiedo ancora scusa. L’ho invitata anche a Biella per la Giornata della Memoria e non c’è nulla contro di lei”.

Il primo cittadino biellese ha spiegato: “Questa vicenda è nata male, per un errore di comunicazione che abbiamo fatto. Si sono messe insieme due questioni che non hanno nulla a che fare. Sono separate. La casualità temporale è che da tre mesi stiamo lavorando con Ezio Greggio e l’altro giorno è arrivata una mozione su Liliana Segre”.

Corradino: “Greggio? Capisco la sua decisione”

Corradino ha teso una mano anche al popolare conduttore Greggio che si è ritrovato, suo malgrado, invischiato nelle polemiche: “Ezio Greggio ha reagito così perché è uomo di spettacolo e vuole tenersi fuori però non era intenzione di nessuno far del danno alla senatrice Segre che, ricordo, era stata invitata a Biella un mese e mezzo fa. Io sono dalla sua parte. Non si è votato ancora nulla, questo è il grande inganno. In realtà noi abbiamo deliberato da tempo, da tre mesi, di dare la cittadinanza a Greggio che comunque ha fatto del bene al territorio biellese e l’altro giorno è arrivata una mozione di un gruppo di minoranza che voleva la cittadinanza per la Segre. Con un metodo un po’ sbagliato, perché una cosa del genere andava condivisa con tutto il consiglio e abbiamo detto di no per quello. Sono due cose separate. Non abbiamo detto di no alla Segre, abbiamo detto di no a una mozione della minoranza”.

Fonte: Ansa, Repubblica, Radio Capital

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]

Ansa, Repubblica