Home Cronaca Parroco di Caserta durante l’omelia: “Fuori dalla Chiesa chi segue Matteo Salvini”

Parroco di Caserta durante l’omelia: “Fuori dalla Chiesa chi segue Matteo Salvini”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:03
CONDIVIDI

Il Parroco di Caserta Michele Santoro è finito nella bufera per alcune frasi dette durante la messa contro la Lega.

Parroco di Casera contro Salvini - Leggilo

 

La Chiesa – o almeno una parte – sembra da tempo essersi messa contro Matteo Salvini per ragioni legate alla politica sui migranti e all’uso dei simboli religiosi da parte dell’ex vicepremier. L’ultima polemica, indiretta, è stata provocata dalle parole del Vescovo di Monreale secondo il quale togliere il crocefisso nelle scuole sarebbe dare un aiuto all’ex Ministro dell’Interno. Una frase non necessariamente contro il segretario della Lega, ma perlomeno ambigua. Ora, come già altre volte, risuonano parole molto dure nei confronti dell’ex vicepremier dal pulpito di una Chiesa.

Parroco di Caserta: “I Leghisti sono assassini”

Secondo quanto riporta Il Mattino, il francescano Michele Santoro avrebbe apostrofato i sostenitori della Lega con parole come “Assassini“, “Rinnegatori della Croce di Cristo“, “Via dalla chiesa, non so che farmene di questo tipo di fedeli“. Questo durante la celebrazione delle 11 nella chiesetta di Montevergine a Caserta. Il parroco durante l’omelia stava parlando dello “ius culturae“, ovvero della possibilità di ottenere la cittadinanza avendo frequentato almeno un ciclo scolastico o professionale. “Sono assassini e nemici della Croce di Cristo quelli che si oppongono allo ius culturae  – avrebbe detto Santoro  – Chi, come la Lega, preferisce che bambini nati in Italia e qui cresciuti vengano rimpatriati vuole la loro morte. E chi vuole la morte è un assassino. Non si uccide solo con una pistola, ma anche sconvolgendo la mente delle persone. Corro il rischio di restare da solo: chi condivide le idee di Salvini è preferibile che vada a farsi una passeggiata fuori invece di stare qui. Ancora non mi spiego le percentuali ottenute alle scorse elezioni dalla Lega, specie qui al Sud. Onestamente non so che farmene di questo tipo di fedeli”.

A quel punto in diversi hanno abbandonato i banchi, mentre altri sono rimasti fino alla fine della funzione per poter dire la propria. E la Lega in tutto questo? Il Giornale ha riportato un comunicato del senatore della Lega Claudio Barbaro, capogruppo in Commissione Cultura a Palazzo Madama: “Non può che dispiacere questo comportamento – scrive il senatore – soprattutto davanti a quei fedeli che, nella domenica della supplica alla Madonna di Pompei, per questi motivi, non hanno potuto godere con serenità del momento di fede”.

Matteo Salvini invece ha risposto con toni pacati, a mezzo Facebook: “Omelia alla chiesetta di Montevergine a Caserta di don Michele Santoro (esatto omonimo di un altro che ci ama molto…): “I leghisti sono ASSASSINI e nemici della Croce di Cristo perché si oppongono allo ius culturae. Chi condivide le idee di Salvini è preferibile che vada a farsi una passeggiata fuori”.
Se questo è un prete…
Comunque, non ci toglierà il sorriso: buona giornata a tutti voi, Amici, alla faccia di chi ci vuole male”.

 

Fonte: Il Mattino, Il Giornale, L’Occhio di Caserta, Matteo Salvini Facebook

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]