Home Archivio “Sono morti, non superavano i 30 anni”: i messaggi di cordoglio per...

“Sono morti, non superavano i 30 anni”: i messaggi di cordoglio per i poliziotti uccisi a Trieste

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:07
CONDIVIDI

L’Italia intera resta attonita di fronte alla morte tragica e improvvisa dei due poliziotti, rimasti uccisi nella sparatoria della questura di Trieste. Anche il mondo politico si unisce al dolore delle famiglie coinvolte, con Nicola Zingaretti che ribadisce il suo fermo sostegno alle forze dell’ordine. 

Il cordoglio di Zingaretti per i poliziotti di Trieste

Matteo Demenego, 31 anni, e Pierluigi Rotta, 34 anni: entrambi in servizio presso l’Upgsp della Questura di Trieste. Nell’audio del collega che ne conferma la morte si sente la disperazione per due giovani poliziotti che “non avevano superato i 30 anni”. Matteo, in particolare, ne aveva compiuti 31 da qualche giorno. I due poliziotti italiani sono deceduti dopo diversi tentativi di rianimazione, caduti sotto i colpi di pistola sparati da un giovane di 29 anni che era stato fermato insieme al fratello perché sospettato di aver rubato uno scooter. La madre del killer ha spiegato che il figlio era affetto da turbe psichiche, ma non si riesce a trovare una giustificazione al dolore immenso che ha colpito i cari dei due giovani, come la fidanzata di Matteo.

Anche Nicola Zingaretti, segretario del Partito Democratico ha voluto far sentire la sua vicinanza alle famiglie colpite e a tutti gli esponenti delle forze dell’ordine, attraverso un messaggio di cordoglio diffuso su Twitter.

Resta da chiarire la dinamica della sparatoria. In una nota diffusa dalla Questura di Trieste e riportata da Il Sole 24 Ore, si legge che i due fratelli hanno aggredito gli agenti, una volta fermati: “Per motivi in fase di accertamento uno dei due ha distolto l’attenzione degli agenti ed ha esploso a bruciapelo più colpi verso di loro. Entrambi hanno tentato di fuggire dalla Questura, ma sono stati fermati“.

Parole di cordoglio anche dalla diocesi di Trieste, come riportato da Agensir, nella persona del vescovo Giampaolo Crepaldi: “Il tragico evento che, con esiti drammatici, ha colpito questo pomeriggio due giovani agenti della questura di Trieste provocandone la morte, lascia la città sbigottita e indignata“.

Alessandra Curcio

Fonti: Il Sole 24 Ore, Agensir, Nicola Zingaretti Twitter

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]