Home Persone Torino, la moglie vede il marito e la figlia Nicole morire tra...

Torino, la moglie vede il marito e la figlia Nicole morire tra le fiamme

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:20
CONDIVIDI

Consiglia La Malva ha visto suo marito Giuseppe e sua figlia Nicole morire tra le fiamme. Tentando di salvarli si è bruciata parte dei capelli.

La morte non può essere di serie A o di serie B, ma a volte ci sono delle circostanze che sono più dolorose di altre, indicibili, cose che mai dovrebbero capitare ad un essere umano. E’ quello che è accaduto a Consiglia La Malva, 36 anni, che domenica ha visto morire suo marito Giuseppe Pennacchio e la piccola Nicole di soli 6 anni proprio davanti agli occhi, tra le fiamme.

Consiglia cerca di salvare marito e figlia e rimanere ustionata

Doveva essere una domenica allegra, spensierata e invece si è trasformata in una tragedia. Consiglia e Giuseppe – originari entrambi di San Sossio Baronia, in provincia di Avellino – avevano la passione per le auto storiche. Possedevano infatti entrambi una Mini Minor, verde Giuseppe e blu Consiglia. Erano diretti nel Pinerolese e assieme alle loro figlie – Nicole e l’altra piccola di soli 4 mesi –  avevano deciso di partecipare al raduno di auto storiche organizzato al castello di Macello,  piccolo comune della Val Chisone. Erano partiti domenica alle 8 da Orbassano, in provincia di Torino, dove abitavano da circa tre anni. Come riporta Il Corriere della Sera, nei pressi dell’uscita per Piscina della Torino Pinerolo la moglie – che viaggiava in auto con la figlia più piccola – ha chiesto al marito di fermarsi per un problema al tettuccio. Risolto il piccolo guasto stavano per ripartire, ma una Toyota Verso ha tamponato l’auto colpendo il serbatoio dell’auto di Giuseppe provocando l’incendio.

Le fiamme sono divampate nel giro di pochi secondi, senza lasciare via d’uscita a Giuseppe e alla figlia. Consiglia La Malva ha cercato di aprire lo sportello, ma le fiamme glielo hanno impedito facendole bruciare anche una parte di capelli. Sotto choc, la donna è stata trasportata all’ospedale di Pinerolo, da dove è tornata in compagnia della mamma e della sorella assistita da due psicologici. Nello stesso ospedale è stato ricoverato il 55enne che si trovava al volante della Toyota Verso.  “Sabato Giuseppe si è messo al volante della sua Mini, voleva controllare che fosse tutto a posto prima del raduno — ha ricordato un vicino —. Con lui c’era Nicole. La bimba era in prima elementare e ai nuovi compagni di classe aveva già raccontato che avrebbe trascorso l’intera domenica al castello di Macello. Non scorderò mai il suo sorriso quando è salita sull’auto del papà”.

Voce pinerolese ha pubblicato un servizio con la ricostruzione dell’incidente e gli accertamenti da parte degli agenti di Polizia Stradale.

Fonte: Il Corriere della Sera, Voce pinerolose

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]