Home Persone Aurora, 4 anni, muore in un tragico incidente stradale nell’auto della madre

Aurora, 4 anni, muore in un tragico incidente stradale nell’auto della madre

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:33
CONDIVIDI

L’intera comunità di Fossatone, a Medicina, ha sperato fino all’ultimo minuto che la piccola Aurora potesse salvarsi e sopravvivere al tragico incidente che l’ha vista coinvolta insieme alla madre. 

Aurora Andrisano muore a 4 anni in un incidente

Dolore, tanto dolore, e un’immensa disperazione: questa è la sensazione che attanaglia i residenti di Fossatone di Medicina, in provincia di Bologna, da quando in paese è giunta la notizia della morte della piccola Aurora Andrisano. Un angelo che contagiava tutti con la voglia di giocare, una bambina dolcissima e molto attaccata alla madre. E ora quella madre si dispera per la perdita della figlia, mentre a Mantova una madre viene arrestata per aver picchiato il figlio di 4 mesi. Nessuno riesce a capacitarsi della tremenda tragedia. Tutti gli sguardi puntano su quel maledetto tratto di strada, lì appena fuori dal paese, dove è avvenuto il tragico incidente stradale che ha strappato una figlia alla madre, come riportato da Il Resto del Carlino.

L’auto con a bordo la mamma e le due bimbe è finito fuori strada: la piccola Aurora, di 4 anni, è morta dopo aver passato diverse ore in Rianimazione. Prima di mettersi in macchina la donna si era fermata nel bar Fasanina. I testimoni raccontano a Fanpage cosa è accaduto: «Aveva chiesto se poteva dare una mano, perché era in cerca di un lavoro. Le sarebbe piaciuto fare la barista perché si è trasferita da un anno a Medicina e finora si è soprattutto occupata di fare le pulizie», dice una sua amica.

Un agricoltore parla del rapporto tra la piccola e la madre: «Erano sempre insieme: la mamma coccolava moltissimo la piccolina. Le aveva comprato anche un gattino per il suo compleanno. Il padre è un uomo serio ed educato, e lavora alla Profilati di Fossatone. Sono brave persone». Anche la figlia più grande di 14 anni è rimasta coinvolta nell’incidente: si era trasferita di recente dalla provincia di Brindisi. «Abitavano lì prima e la madre non voleva sradicarla dai suoi amici e dalle sue abitudini. Così ha preferito farla venire soltanto di recente, dopo aver passato l’estate nel Sud. Avevano, però, già acquistato i libri per cominciare il primo anno del liceo artistico: la ragazzina, infatti, avrebbe iniziato a frequentare le scuole superiori a Bologna».

Fossatone: una lunga scia di sangue sulle strade del paese

A nulla sono servite le misure di sicurezza previste sulla strada di Fossatone, che non è nuova a questo genere di incidenti, come racconta un residente: «Hanno messo un autovelox fisso, ma non serve a nulla. Le auto frenano poco prima e ripartono a tutta velocità; anzi quell’apparecchio sembra rendere ancora più pericolosa la strada. Davanti a casa mia ci sono stati almeno tre incidenti, e poi si formano delle code lunghissime. È un rettilineo stretto e le auto prendono velocità facilmente». Tutto il paese è in lacrime per la perdita della piccola Aurora: «La piccola era molto curiosa e non stava mai ferma come del resto tutti i bambini di quell’età. Quando entrava in una stanza te ne accorgevi subito. Poi si voltava all’improvviso e ti sorrideva. Ogni volta quello sguardo ti scaldava il cuore. La madre era innamorata di lei. In un anno abbiamo imparato a conoscerla e ci eravamo affezionati a quella bambina. Davvero un destino crudele. Ha spezzato la vita di una bambina che davanti a sé aveva un’esistenza intera. Siamo tutti molto scossi».

Alessandra Curcio

Fonti: Il Resto del Carlino, Fanpage

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]