Migranti sottratti alla Guardia Costiera libica, il veliero Alex chiede aiuto: “Ora veniteci a prendere”

0
62

Sembrava essere stato trovato l’accordo tra i Governi di Malta e Italia per recuperare 54 migranti a bordo del veliero Alex dell’Ong Mediterranea, arrivato alle 4 di questa mattina a 12 miglia da Lampedusa. La Valletta avrebbe preso i 54 profughi a bordo, in cambio l’Italia ne avrebbe presi 55 provenienti da Malta. Ma Mediterranea ha smentito. 

Mediterranea smentito accordo Italia - Malta - Leggilo

“Siamo a bordo, la situazione che non è semplice, anzi di estrema urgenza. Abbiamo provato ad offrire la colazione ai naufraghi, ma non siamo attrezzati per dare cibo o acqua dolce per dare a queste persone la possibilità di lavarsi, cambiarsi. Il sole si sta levando e la situazione è di estrema necessità”. L’ha detto ai microfoni di Rai news – Alessandra Sciurba,  la portavoce di Mediterranea, circa le condizioni a bordo di Alex, il veliero che ieri sera ha soccorso i migranti in difficoltà in zona Sar libica e che ora chiede un porto sicuro dove sbarcare. “L’unica soluzione che ci è arrivata è quella di raggiungere noi, autonomamente, il porto di Valletta, è infattibile. Non ci sono le condizioni di sicurezza: la barca a vela è di 20 metri, ci sono 54 persone a bordo, 11 di equipaggio, non possiamo affrontare 11 ore di navigazione”, prosegue l’attivista. Le condizioni a bordo vengono riportate anche in un tweet condiviso sul profilo della Mediterranea:

Infatti, all’imbarcazione della Ong italiana, era stato proposto di raggiungere Malta, che si è offerta di farsi carico dei migranti ma l’Organizzazione non governativa ha rifiutato. La portavoce ha infatti richiesto che le Guardie Costiere maltese e italiana organizzino loro, con le loro motovedette, il trasferimento dalle acque di Lampedusa al porto de La Valetta, in quanto il veliero Alex non può navigare per oltre cento miglia. Un accordo che sembrava essere stato raggiunto, come annunciato dal Governo maltese.  “A seguito di contatti tra i governi maltese e italiano, e’ stato deciso che Malta trasferirà 54 migranti, che sono stati salvati in mare al largo della Tunisia e che sono a bordo della nave Alex, a bordo di una nave delle forze armate di Malta e saranno accolti a Malta”, era stato detto in un comunicato. In cambio, l’Italia avrebbe preso 55 migranti da Malta. “Questo accordo non pregiudica la situazione in cui questa operazione ha avuto luogo e in cui Malta non ha alcuna responsabilità legale, ma fa parte di un’iniziativa che promuove uno spirito europeo di cooperazione e buona volontà tra Malta e l’Italia”, proseguiva il testo riportato dall’Ansa.

Mediterranea, però, ha smentito l’accordo: “Purtroppo non c’e’ nessuna nave delle Forze Armate in arrivo da Malta per trasbordare e prendersi in carico le 54 persone che sono a bordo del nostro veliero.” 

Poco dopo, in un altro tweet, si rende noto che il capo missione dell’imbarcazione si è messa in contatto con il Centro di coordinamento dei soccorsi di Roma, il cui responsabile ha affermato che l’assenza di alcuna intenzione, tra le due parti, di organizzare il trasferimento con mezzi militari maltesi o italiani:

Fonte: Mediterranea Saving Humans Twitter, Rainews, Ansa

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui