Carola Rackete ha deciso di forzare il blocco imposto dalle autorità italiane che impediva alla sua imbarcazione di entrare nelle nostre acque territoriali. Da giorni, ormai, non si fa altro che parlare del caso Sea Watch, in un calderone di polemiche e commenti in cui si è intromesso, in modo per nulla cauto, anche Adriano Sofri. Il suo parere, espresso sulle pagine de Il Foglio, è stato ripreso da Roberto Saviano.

Sofri contro Matteo Salvini caso Sea Watch - Leggilo

Si è intromesso anche Adriano Sofri nella vicenda della Sea Watch. L’ex leader della formazione della sinistra extraparlamentare Lotta Continua, negli anni ’70, dopo essere stato condannato per omicidio del Comandante Calabresi, si è avviato alla carriera giornalistica. Nella sua rubrica “Piccola posta“, tenuta sul quotidiano Il Foglio, si è scagliato con veemenza contro Matteo Salvini: “Senti, brutto stronzo. Ti piace insultare una giovane donna in gamba a nome del governo italiano, eh? Pallone gonfiato, ceffo vigliacco. Ti sei rotto le palle? Coglione. Disgustoso gradasso. Sento che si può fare di meglio, cioè di peggio. Tu si, mezza calzetta, tu puoi. Fai un altro selfie”.

Una serie di appellativi di certo poco piacevoli, in riferimento all’attacco di Matteo Salvini alla capitana Rackete, che ha definito “buffoncella“. Tra i due ormai è scontro aperto: da un lato, c’è il Viminale che non ha intenzione di cedere e di concedere un porto per lo sbarco; dall’altra c’è la Rackete che invece insiste, ferma a Lampedusa, da ormai 15 giorni. Entrambi sembrano essere diventati interpreti e portavoce di due idee politiche in tema migranti diversi e anche la comandante sembra essere accusata di strumentalizzazione politica. Ad appoggiare Sofri c’è anche Roberto Saviano, che ne ha ripreso il testo dell’articolo condividendolo sul suo profilo Facebook:

Condivido con voi l’analisi politica più lucida degli ultimi mesi. Grazie Adriano!#MinistroDellaMalaVita#SeaWatch3

Pubblicato da Roberto Saviano su Venerdì 28 giugno 2019

Lo scontro ha dato vita ad una vera e propria querelle, specie dopo che Matteo Salvini ha scritto: “Essere insultato dal pregevole duo-Sofri Saviano mi rende orgoglioso del mio lavoro in difesa del Popolo italiano. Bacioni e querele”. 

🎼 Querele querele querele…🎼 Querele querele querele…🎼 Querele soltanto querele, querele tra noi. Ministro, mi…

Pubblicato da Roberto Saviano su Venerdì 28 giugno 2019

Fonte: Il Foglio, Roberto Saviano Facebook

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui