Home Casi Roberta Roberta era scomparsa, Sara Calzolaio parlò di lei come fosse morta

Roberta Roberta era scomparsa, Sara Calzolaio parlò di lei come fosse morta

CONDIVIDI

In un’intercettazione di qualche tempo fa, Sara Calzolaio, amante e ormai compagna di Antonio Logli, parlava di Roberta Ragusa come se fosse morta. Allora, però, della donna si ipotizzava solo una scomparsa.

Ragusa intercettazione Sara Calzolaio - Leggilo

Ciò che mi fa più male è il fatto che non si sa dov’è Roberta. Questa è la cosa che non ci va giù perché non so che cosa sia successo… di certo so, perché l’ho letto sulle carte, che Filippo Campisi. l’ha vista uscire. E, io dico, se lei è uscita qualcosa dev’essere successo, però non sappiamo che cosa le è successo e questa è una cosa che ci spaventa. È la cosa che ci fa più male perché, poi, tutto il resto – bene o male – giorno dopo giorno si supera come le malattie. Ma questa mancanza è incolmabile per tutti“. Queste le dichiarazioni di Antonio Logli raccolte a Quarto Grado, un anno e fa e riportate dall’Ansa. Un anno è passato e Logli intanto si è visto condannare a vent’anni per la morte della moglie: i giudici non gli hanno creduto.

E altre parole, ora, rendono la vicenda ancora più complessa di quanto la sentenza possa aver rivelato. Il mistero per la morte – ormai certa – di Roberta Ragusa non sembra risolto. Del corpo della donna non c’è traccia, ma l’ipotesi che la donna, scomparsa nel 2013 da Gello San Giuliano, in provincia di Pisa, possa essere ancora viva è ormai svanita.

Per la Corte d’Appello di Firenze, cha ha confermato la condanna in primo grado inflitta al marito per omicidio e distruzione di cadavere, il delitto ha avuto un movente economico. Logli temeva che con una separazione, presa in considerazione da Roberta, avrebbe comportato dei “contraccolpi economici”: la perdita della scuola guida di Logli e della moglie o della casa, di proprietà dei genitori di lei. Lo affermano i giudici fiorentini nelle motivazioni della sentenza di secondo grado che ha confermato la condanna inflitta dal Tribunale di Pisa per omicidio e distruzione di cadavere

Nell’ombra, anche la posizione di Antonio Logli, marito di Roberta Ragusa, e di Sara Calzolaio, allora amante e ormai compagna ufficiale dell’uomo. Pochi prendono le difese di quest’ultima. Tra questi il giornalista Carmelo Abbate che si dice certo della sua estraneità al delitto. Tuttavia un’intercettazione di qualche tempo – riportata da Giallo e anticipata dal Mattino – lascia perplessi sul ruolo della donna. In essa Sara parlava di Roberta come se fosse morta.

“Posso capire perché anche mio babbo è morto, io so com’è”. Così l’amante si rivolgeva ad Antonio , mentre spiegava il disagio provato da sua figlia che cominciava ad accusare la mancanza della madre. Poi, forse accortasi di quanto detto, si corregge: “Posso capire cosa prova lei, che non sa dove sia”. La donna, insomma, risponde affermando di capire bene quello che prova la piccola perché anche lei ha perso il suo papà. All’epoca della telefonata, si parlava di Roberta come di una donna scomparsa, ma non morta. Le intercettazioni infatti si riferiscono al marzo del 2013. La donna era scomparsa tra nella notte tra il 12 ed il 13 gennaio del 2012 dopo un litigio con il marito. Logli accusato del delitto sostiene, in attesa della sentenza definitiva, che sua moglie si fosse allontanata da casa volontariamente. L’esito di colpevolezza a suo carico è quasi certo, anche se l’uomo respinge le accuse.

Lei è Sara. Lei non ha fatto niente. Lei è soltanto una donna. Qualunque sia la nostra opinione sulla scomparsa di…

Pubblicato da Carmelo Abbate su Mercoledì 24 aprile 2019

Sara, da parte sua, difende quello che è diventato il suo compagno senza aver avuto mai un minimo dubbio della sua colpevolezza: “Antonio è una brava persona, non sarei rimasta qui se non fosse stato così. Si prende cura dei figli, è amorevole, e si preoccupa”, raccontava al giornalista Carmelo Abbate. L’intercettazione tuttavia potrebbe mettere a rischio la sua posizione.

Fonte: Il Mattino, Ansa, Giallo, Carmelo Abbate FB

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: fact@leggilo.org

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: contro@leggilo.org
Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore