Home Politica Meloni: “L’8,7 per cento degli stranieri in Italia commette il 45 %...

Meloni: “L’8,7 per cento degli stranieri in Italia commette il 45 % degli stupri”

CONDIVIDI

Si parla di stupro. A farlo è Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, che ha condiviso sul suo profilo Facebook un post in cui emergono le percentuali delle violenze in Italia. La maggior parte, sono commessi da immigrati.

Meloni stupro Italia - Leggilo

Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, ha postato sul suo profilo Facebook un video con delle percentuali relative agli stupri in Italia, riprendendo quanto riportato dall’editorialista Mario Giordano. Quest’ultimo, nel suo programma di attualità e approfondimento “Fuori dal coro“, ha mostrato numeri e dati a cui difficilmente siamo abituati. Infatti, si tende ad oscurarli in nome del “politically correct” e di un falso moralismo. Ma la realtà è un’altra ed è che l’ 8,7 per cento degli stranieri che si trova nel nostro Paese commette il 45 % degli stupri. Significa che, di conseguenza, su un milioni di italiani gli stupratori sono 25; ma su un milione di stranieri gli stupratori sono 125, cinque volte superiori. 

Chi sono gli stupratori in Italia? Ecco i numeri che i paladini dell’accoglienza non vi faranno mai vedere… Fermiamo questa deriva: castrazione chimica per gli stupratori (di qualsiasi nazionalità) e rimpatrio per gli immigrati che commettono reati sul suolo italiano”, commenta in didascalia la Meloni. La posizione di quest’ultima al riguardo è sempre stata chiara. Il segretario di FDI sostiene da sempre tolleranza zero nei confronti degli stupratori di qualsiasi nazionalità o appartenenza politica, arrivando ad appoggiare la castrazione chimica come pena per gli stupratori.

Del rapporto tra stupro e immigrazione se ne parlò molto dopo il decesso di Pamela Mastropietro. La devastazione del corpo della povera ragazza, infatti, ha fatto pensare a un rituale tipico della mafia nigeriana. A parlare di “cannibalismo rituale“, fu lo psichiatra Meluzzi, che fece notare l’assenza del cuore e del fegato nel corpo di Pamela, come da prassi in quegli ambienti per acquisire forza e potere. Un evento, quello di Pamela, che si collega purtroppo a metodologie che nella mafia nigeriana. Ma anche in quel caso c’è chi ha provato a minimizzare la componente etnica di Oseghale e degli altri indiziati per la morte della diciottenne. Invece, i numeri parlano chiaro e la questione immigrazione non può prescindere dalla questione illegalità. Spesso, le due componenti vanno a braccetto. 

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: fact@leggilo.org

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: contro@leggilo.org