Home Cronaca Padova, narcotizza il figlio, lo avvolge in una coperta e sale in...

Padova, narcotizza il figlio, lo avvolge in una coperta e sale in auto: voleva ucciderlo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:11
CONDIVIDI

La sera del 29 aprile una donna ha caricato in auto il suo bambino e si è allontanata dalla sua abitazione a Piove di Sacco. Nella sua mente, un piano diabolico che avrebbe portato alla morte sua e del figlio.

Padova, narcotizza suo figlio - Leggilo

Una storia che fa gelare il sangue, giunta a distanza di poche settimane dalla morte del piccolo Gabriel, il bimbo ucciso da sua mamma, Donatella Di Bona, davanti agli occhi del padre Nicola Feroleto. La notizia di quanto accaduto a Piove di Sacco, paesino in provincia di Padova, il 29 aprile scorso, è stata resa nota dai Carabinieri di Frosinone solo ieri. Una donna ha narcotizzato il figlio di 5 anni, poi è salita in auto con l’intenzione di uccidere il suo bambino e poi di farla finita, come riportato da Rai News.Intanto, e per fortuna, la donna inviava messaggi vocali ai parenti che, preoccupati, hanno subito allertato i Carabinieri. “Voglio farla finita“, diceva disperata al cellulare.

Così, sono cominciate le ricerche dell’auto in fuga, quell’auto sulla quale avrebbe potuto consumarsi un omicidio-suicidio. La vettura è stata trovata nella notte fra lunedì 29 e martedì 30, vicino alla stazione di Padova, tra via Gozzi e via Trieste: lei in evidente stato confusionale, e il piccolo, avvolto in una coperta sul sedile posteriore, privo di sensi. Una tragedia sfiorata per un pelo, ma intanto la donna, che non era un volto nuovo per gli inquirenti e aveva precedenti penali, è stata arrestata in flagranza per tentato omicidio aggravato e trasportata in una struttura psichiatrica, come riportato da Sky Tg 24.

Il piccolo, nonostante si temesse il peggio, è stato prontamente soccorso dal personale del Suem 118. Quando il bambino è giunto  in ospedale, le analisi dei medici hanno confermato un’ intossicazione da benzodiazepine, un farmaco che in dosi massicce conduce anche allo stato di incoscienza. Il piccolo i trova tutt’ora in osservazione in pediatria, ma non è in pericolo di vita. Per un pelo, è scampato alla furia omicida di sua madre.

Fonti: Rai News, Sky Tg 24

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]