Home Opinioni Omicidio del piccolo Gabriel: la madre non è l’unica colpevole

Omicidio del piccolo Gabriel: la madre non è l’unica colpevole

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:25
CONDIVIDI

Omicidio Gabriel: la morte del bambino di 2 anni probabilmente strangolato dalla madre è una sconfitta per tutti.

Donatella Di Bona, omicidio del piccolo Gabriel - Leggilo

La mia nonna materna dopo che nacque mia zia, ebbe – come si diceva allora – “un crollo di nervi” e la bambina venne affidata per ben cinque anni alle cure di alcuni parenti. Nessuno in famiglia ha mai parlato apertamente di depressione e per anni il fatto è stato mantenuto segreto fino a che anche io ne ho sofferto dopo la nascita di mia figlia. Una volta guarita, ho cominciato a mettermi al servizio delle mamme andando in giro a parlare della mia esperienza e mi ha colpito come spesso tra il pubblico ci fossero donne ormai anziane che hanno vissuto in gioventù un inferno a cui non si voleva dare il nome. A quei tempi – così purtroppo come oggi – dire di stare male dopo la nascita di un figlio è come lanciare una bestemmia in chiesa. E spesso si ritrovavano da sole ad affrontare una malattia mai diagnosticata che le avrebbe segnate per sempre.

Ormai siamo nel nuovo millennio, ma purtroppo non mi pare che le cose siano molto cambiate. Il caso dell’omicidio del piccolo Gabriel probabilmente ucciso dalla madre è solo l’ultimo di una serie di infanticidi. Ricordiamo per esempio quello di Vicenza in cui una madre ha gettato a terra sua figlia di appena tre giorni o quello altrettanto drammatico di Pina Orlando che si è buttata nel Tevere poco prima di Natale, assieme alle sue figlie neonate, come riportato da Il Corriere della Sera.

Nella maggior parte dei casi sembra che questi avvenimenti arrivino come dei fulmini a ciel sereno. “Erano felici” ha detto la nonna di Gabriel non sapendo spiegarsi il perché del gesto della figlia “Erano una famiglia così bella” dicevano della madre di Vicenza; “Non avevo capito che mia moglie soffriva” riportava tra l’incredulità generale il marito di Pina che non sapeva spiegarsi il perché della fine così atroce della compagna e delle sue bambine. Poi scavando, si è cominciato a capire che tutta la facciata aveva delle crepe, visibili, ma forse ignorate troppo a lungo. La mamma di Gabriel per esempio pare che non vivesse più con il padre del bimbo e che avesse problemi economici. La mamma di Vicenza aveva avuto un aborto, un trauma per il quale non era forse stata curata. Anche Pina Orlando aveva perso una delle tre gemelline che portava in grembo; le altre due  – pur nate premature al quinto mese – erano sopravvissute ma avevano riportato handicap permanenti.

E’ incredibile come spesso sui giornali quando avvengono questi fatti di cronaca si parli di raptus, di fatto avvenuto “improvvisamente“. Non esiste “l’improvvisamente”. Nelle menti di queste madri probabilmente i pensieri bui e negativi sono montati per mesi, hanno occupato le loro giornate e poi le loro notti. Hanno fatto pensare loro che non c’era altra via d’uscita, perché quando una donna arriva ad uccidere il proprio figlio ha alle spalle un dolore e una sofferenza che non sono stati accolti e curati. Certo, sono colpevoli materialmente di un gesto indicibile, ma lo siamo anche noi. Noi che scegliamo di girarci da un’altra parte, che invece di ascoltare i segnali di una persona in difficoltà preferiamo lanciare frasi preconfezionate come “eh, adesso sei mamma, pensa a chi non può avere figli. Non puoi lamentarti“. Siamo noi i responsabili quando invece che incoraggiare la mamma a chiedere aiuto le diciamo che non ce n’è motivo.

Diventare madri non sempre è bello. C’è tanta retorica sulla gravidanza, sul parto e sull’essere genitori e questo ruolo investe soprattutto la madre che improvvisamente smette di essere una persona ma viene investita di “poteri” al limite della santità. Invece nella maggior parte dei casi una donna ha paura, si sente sopraffatta, si sente incapace e vorrebbe condividere questo fardello con qualcuno. Ma con chi se persino le persone che le vogliono bene non capiscono? Il problema è che si pensa a chi è affetto da depressione o da malattie mentali come a qualcuno che sente le voci o sbatte la testa contro il muro. Io stessa posso testimoniare che nel periodo di depressione più nera non ho mai fatto sorrisi più sorridenti. Chi ha una patologia di questo tipo all’esterno non lascia trapelare nulla ed è per questo che si tratta di malattie bastarde, troppo spesso sottovalutate.

Credo che ci sia bisogno di un percorso terapeutico per tutte le donne in maniera obbligatoria, a partire dai primi mesi di gravidanza e poi per tutto il primo anno di vita del bambino, quello più duro. Se non si può gratuitamente almeno ad un prezzo di favore: queste morti inutili devono finire e i primi a doversene rendere conto sono coloro che seguono le future madri in gravidanza e nel puerperio. Le malattie mentali non devono essere un tabù: tantissime sofferenze si potrebbero evitare se venissero condivise. Come dice il proverbio africano “per crescere un bambino ci vuole un intero villaggio”, ma spesso queste sono solo belle parole: la madri sono sole e continuano ad esserlo. Salviamole.

Valentina Colmi

Fonte: Il Corriere della Sera

 

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]