Home Opinioni Michela Murgia: “Notre-Dame? In mare sono morte 274 persone”

Michela Murgia: “Notre-Dame? In mare sono morte 274 persone”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:15
CONDIVIDI

La scrittrice Michela Murgia ha commentato l’incendio di Notre-Dame, chiamando in ballo, come Roberto Saviano, la questione dei morti in mare. 

Murgia parla di Notre Dame - Leggilo

 

L’incendio di Notre-Dame, che ha segnato probabilmente la storia di Parigi, ha scosso gli animi dei Parigini e degli occidentali. Il dolore per la distruzione di un simbolo di unione e rappresentanza francese ha avuto portata globale. Ma a far piangere, ovviamente, c’è anche la perdita di un’opera d’arte dal valore inestimabile e che tornerà al suo vecchio splendore tra chissà quanti anni, nonostante per il critico d’arte Vittorio Sgarbi non è stato perso granché.

Eppure, c’è chi prova a sminuire quanto accaduto. Tra questi anche la scrittrice Michela Murgia. “Pur nel rammarico per un’opera mirabile che va in fiamme, continuo a leggere frasi enfatiche e catastrofiste, tipo che l’incendio al tetto di Notre-Dame sarebbe un colpo simbolico al cuore dell’Europa”. Poi ricorda, come se c’entrasse qualcosa, che nell’indifferenza europea nel Mediterraneo sono morte circa 274 persone per mancanza di corridoi umanitari. “Il colpo al cuore dell’Europa lo stiamo guardando dal lato sbagliato“, conclude.

Idea simile, condivisa anche dallo scrittore e giornalista Roberto Saviano, che ha commentato su Facebook:Il dolore per l’incendio ha fatto sentire appartenenza alla storia europea, ma con Notre-Dame a bruciare non è stata l’Europa. L’Europa è in fiamme? No. Credo piuttosto che l’Europa sia annegata nel Mediterraneo insieme alle centinaia di migliaia di migranti che in questi decenni sono morti senza che nemmeno ci sia giunta notizia della loro fine”.

Ritornano da parte di entrambi i morti in mare che, in questo caso, sarebbero potuti essere lasciare in pace, in balia delle onde, della fortuna e delle Ong. Invece, ogni scusa è buona per riportare tutto sui propri binari. Anche la paladina dell’ambientalismo Greta Thunberg, in queste ore in Italia, ha sminuito quanto accaduto ricordano come sì, Notre-Dame è bruciata ma può essere ricostruita. Al contrario, “casa nostra sta morendo e non c’è nessuno che agisce”. 

Fonti: Facebook Roberto Saviano, Facebook Michela Murgia

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]